Forum Italiano dei movimenti per l'acqua

authentic cup cath of cape Dether ICO review of world of bitсoins
BEST site of reviews and ratings ico review network of world of bitсoins

Trattative nella maggioranza sulla legge per l'acqua: si scrive acqua pubblica, si legge privatizzazione

acqua pubblica chiaroIl Sole 24 Ore di domenica 1 dicembre ha pubblicato un approfondito articolo e tre interviste all'On. Daga (M5S), all'On. Braga (PD) e a Guerrini (ARERA) in merito a un possibile accordo tra M5S e PD per giungere a una legge condivisa sulla gestione dell'acqua.



Sembra evidente che non si tratta di indiscrezioni, piuttosto di una ricostruzione attenta effettuata sulla base di informazioni fornite dagli stessi protagonisti del confronto avviatosi a livello parlamentare.
E' altrettanto evidente che se fossero confermati gli elementi cardine più che di un accordo si tratterebbe di un inciucio tra i due principali azionisti della maggioranza, PD e M5S, in cui l'acqua pubblica diviene uno specchietto per le allodole.
Il PD porterebbe a casa il risultato ambito da anni, ossia l'espansione del modello di società misto pubblico-privato a gran parte del territorio nazionale e così maggioranza e minoranza riescono in una convergenza apparentemente impossibile. M5S, PD, Lega, FI e FDI sarebbero tutti d’accordo: dove c’è business, l’intesa si trova.

In particolare, il Mezzogiorno viene utilizzato come alibi per procedere ad una massiccia privatizzazione mediante la costituzione di una mega azienda pubblica aperta ai privati, comprese società quotate in borsa, sul modello delle grandi holding come ACEA, HERA, IREN e A2A.
Il mantra continua ad essere sempre lo stesso, il superamento della dimensione territoriale della gestione dell'acqua con la conseguente definizione di ambiti regionali e finanche sovra-regionali, eliminando così ogni possibilità di controllo e partecipazione delle comunità e dei Comuni, lasciando il campo libero al mercato.

Questo è il processo noto come mercificazione dell'acqua e che negli ultimi anni sta producendo una vera e propria finanziarizzazione della gestione.

In questo disegno non poteva mancare ARERA che sin da dopo i referendum si è adoperata per la loro cancellazione e poi ha lavorato costantemente per rendere sempre più profittevole la gestione del servizio. Per questo l'accordo prevederebbe il suo mantenimento e addirittura un suo rafforzamento.

Si tratta di un progetto scellerato che si accanisce con un modello di gestione che ha dimostrato il suo fallimento: aumenti tariffari, investimenti insufficienti, perdite delle reti costantemente in crescita.

Un progetto in piena contraddizione con l'esito referendario e con la legge promossa dal Forum dei Movimenti per l'Acqua, depositata in questa legislatura dall'On. Daga, ancora oggi formalmente all'esame della Commissione Ambiente della Camera.

E allora è evidente che coloro che hanno sostenuto questa proposta di legge, tanto chiara rispetto agli obiettivi di riforma radicale dell'attuale sistema di gestione dell'acqua, non possono riconoscersi in questo progetto e li invitiamo a denunciarlo per quello che è, ossia l'ennesimo tradimento della volontà popolare. In particolare se i penta stellati non si opporranno avranno definitivamente sconfessato la loro prima stella.

Da parte nostra dichiariamo sin da subito che metteremo in campo tutte le iniziative necessarie per contrastare questo disegno e chiediamo con forza la ripresa della discussione della legge in Commissione Ambiente, l'unica per una vera gestione pubblica e partecipativa dell'acqua.

Roma, 2 Dicembre 2019.

Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

Il Sole 24 Ore di domenica 1 dicembre ha pubblicato un approfondito articolo e tre interviste all'On. Daga (M5S), all'On. Braga (PD) e a Guerrini (ARERA) in merito a un possibile accordo tra M5S e PD per giungere a una legge condivisa sulla gestione dell'acqua.

Sembra evidente che non si tratta di indiscrezioni, piuttosto di una ricostruzione attenta effettuata sulla base di informazioni fornite dagli stessi protagonisti del confronto avviatosi a livello parlamentare.
E' altrettanto evidente che se fossero confermati gli elementi cardine più che di un accordo si tratterebbe di un inciucio tra i due principali azionisti della maggioranza, PD e M5S, in cui l'acqua pubblica diviene uno specchietto per le allodole.
Il PD porterebbe a casa il risultato ambito da anni, ossia l'espansione del modello di società misto pubblico-privato a gran parte del territorio nazionale e così maggioranza e minoranza riescono in una convergenza apparentemente impossibile. M5S, PD, Lega, FI e FDI sarebbero tutti d’accordo: dove c’è business, l’intesa si trova.

In particolare, il Mezzogiorno viene utilizzato come alibi per procedere ad una massiccia privatizzazione mediante la costituzione di una mega azienda pubblica aperta ai privati, comprese società quotate in borsa, sul modello delle grandi holding come ACEA, HERA, IREN e A2A.
Il mantra continua ad essere sempre lo stesso, il superamento della dimensione territoriale della gestione dell'acqua con la conseguente definizione di ambiti regionali e finanche sovra-regionali, eliminando così ogni possibilità di controllo e partecipazione delle comunità e dei Comuni, lasciando il campo libero al mercato.

Questo è il processo noto come mercificazione dell'acqua e che negli ultimi anni sta producendo una vera e propria finanziarizzazione della gestione.

In questo disegno non poteva mancare ARERA che sin da dopo i referendum si è adoperata per la loro cancellazione e poi ha lavorato costantemente per rendere sempre più profittevole la gestione del servizio. Per questo l'accordo prevederebbe il suo mantenimento e addirittura un suo rafforzamento.

Si tratta di un progetto scellerato che si accanisce con un modello di gestione che ha dimostrato il suo fallimento: aumenti tariffari, investimenti insufficienti, perdite delle reti costantemente in crescita.

Un progetto in piena contraddizione con l'esito referendario e con la legge promossa dal Forum dei Movimenti per l'Acqua, depositata in questa legislatura dall'On. Daga, ancora oggi formalmente all'esame della Commissione Ambiente della Camera.

E allora è evidente che coloro che hanno sostenuto questa proposta di legge, tanto chiara rispetto agli obiettivi di riforma radicale dell'attuale sistema di gestione dell'acqua, non possono riconoscersi in questo progetto e li invitiamo a denunciarlo per quello che è, ossia l'ennesimo tradimento della volontà popolare. In particolare se i penta stellati non si opporranno avranno definitivamente sconfessato la loro prima stella.

Da parte nostra dichiariamo sin da subito che metteremo in campo tutte le iniziative necessarie per contrastare questo disegno e chiediamo con forza la ripresa della discussione della legge in Commissione Ambiente, l'unica per una vera gestione pubblica e partecipativa dell'acqua.

Roma, 2 Dicembre 2019.

Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

volantino Acqua pubblica2018

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa