No al nuovo attacco al golfo di Napoli e Salerno
piattaforma_petrolifera
Al Presidente della Regione Campania
All’Assessore al Turismo della Regione Campania
All’Assessore all’Ambiente della Regione Campania
Ai Capigruppo dei gruppi consiliari della Regione Campania
Ai Presidenti delle provincie di Napoli e Salerno
Ai Sindaci dei comuni delle provincie di Napoli e Salerno
Alle organizzazioni del territorio delle provincie di Napoli e Salerno

 

OGGETTO: Decreto “Sblocca Italia” - Golfo di Napoli e Golfo di Salerno aperti alle ricerche petrolifere - mobilitazione

Leggi tutto...
 
Sblocca Italia, si riparte con l'acqua ai privati
VendesiComunicato Stampa

Decreto "Sblocca Italia", un ritorno al passato verso la privatizzazione dell'acqua e dei beni comuni


Solo venerdì è stato pubblicato il testo del cosiddetto decreto "Sblocca Italia". Ci sono voluti quasi 15 giorni prima che venisse alla luce essendo stato licenziato nel Consiglio dei Ministri del 29 Agosto scorso. Un lungo travaglio che, però, non è servito per migliorarne il contenuto.
Anzi si tratta di un provvedimento che segnala un deciso cambio di fase nelle politiche governative costruendo un piano complessivo di aggressione ai beni comuni tramite il rilancio delle grandi opere, misure per favorire la dismissione del patrimonio pubblico, l'incenerimento dei rifiuti, nuove perforazioni per la ricerca di idrocarburi e la costruzione di gasdotti, oltre a semplificare e deregolamentare le bonifiche.

Ma ciò che, come Forum dei Movimenti per l'Acqua, c'interessa maggiormente evidenziare è la gravità di quelle norme che, celandosi dietro la foglia di fico della mitigazione del dissesto idrogeologico (Capo III, art. 7), mirano di fatto alla privatizzazione del servizio idrico.
Leggi tutto...
 
Assemblee macroregionali "Per il diritto all'acqua contro le privatizzazioni"
logo-forum-mail

Assemblee macroregionali

Per il diritto all'acqua contro la privatizzazione dei beni comuni

Nel corso degli ultimi mesi è sempre più evidente come il Governo attuale, in perfetta sintonia con i governi precedenti, stia perseguendo la mercificazione dei beni comuni, la precarizzazione del lavoro e della vita, la privatizzazione di tutti i servizi pubblici, per non trascurare il restringimento dei diritti e della democrazia mediante gli attacchi alla Costituzione con le annunciate riforme istituzionali.

Per questo invitiamo tutte e tutti a partecipare alle seguenti assemblee macro-regionali. Per avviare un confronto, anche insieme ad altre realtà che si battono per i beni comuni, su quali proposte, strumenti e iniziative mettere in campo che siano in grado di rispondere efficacemente alla sfida che ci si pone davanti, per impedire la vendita di ciò che a tutte e tutti appartiene e costruire le basi per un altro modello sociale, fondato sulla riappropriazione sociale dei beni comuni e sulla gestione partecipativa degli stessi.

  • Genova, 20/09 ore 10-17 - Assemblea macroregionale del nord ovest presso Altrove - Teatro della Maddalena (Piazzetta Cambiaso, 1). Leggi l'appello e il report
  • Termoli (CB), 04/10 ore 10-17 - Assemblea macroregionale del sud est presso la sala Piazza Sacro Cuore (Via Argentina). Leggi il programma e l'appello
  • Salerno, 11/10 ore 10-17 - Assemblea macroregionale del sud ovest presso la Casa Nazareth (Via Guariglia - Quartiere Europa). Leggi il programma e l'appello

 

*****



Invito assemblee macroregionali Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua


Diritto all'acqua: pensare globale, agire locale


Nel corso degli ultimi mesi è sempre più evidente come l’attacco ai beni comuni, ai diritti ed alla democrazia costituisca una strategia mirata e ben definita sia in Europa che in Italia.
L’attuazione delle politiche liberiste da parte del Governo Renzi, in perfetta sintonia con i governi precedenti, sta perseguendo gli obiettivi prefissati: la mercificazione dei beni comuni, la precarizzazione del lavoro e della vita, la privatizzazione di tutti i servizi pubblici, per non trascurare gli attacchi alla Costituzione con le annunciate riforme istituzionali.

La battaglia per il diritto all'acqua, che il Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua, porta avanti da quasi 10 anni, si inserisce esattamente in questo contesto e ne ha saputo cogliere i limiti e le debolezze, riuscendo ad ottenere diverse vittorie, a partire da quella referendaria.

E' evidente, però, che anche nella nostra battaglia siamo costretti ad una posizione di resistenza, dovuta ad un nuovo, profondo e determinato attacco, di cui il Governo Renzi è una chiara espressione.

Non a caso le politiche che vengono messe in campo sono accompagnate da una restrizione sempre più decisa degli spazi di democrazia.

Dobbiamo ripartire dalla ricchezza di quello che abbiamo costruito negli ultimi tre anni per rilanciare una nuova aggregazione, costruire rapporti di forza a partire dai territori, costruire una prospettiva nazionale per il diritto all'acqua.

E' necessario ed impellente attivare processi di resistenza attiva e concreta che non possono essere ricondotti esclusivamente alle singole vertenze territoriali che, comunque, hanno ben rappresentato sinora il percorso di attualizzazione dell’esito referendario. Si rendono, cioè, necessari nuovi spazi e forme di radicalizzazione del conflitto, mettendo in campo alcune importanti campagne ed iniziative di massa che possano rispondere prontamente alle battaglie sociali che il prossimo autunno ci porrà davanti, ma soprattutto delineare un'alternativa.

Infatti, in questo momento, dobbiamo essere in grado di dar vita non solo a battaglie difensive, ma anche propositive che sappiano affermare le alternative possibili insite nelle lotte per l'acqua e i beni comuni al modello che ha prodotto e perpetua la crisi: partendo dalla finanza pubblica, dalla redistribuzione delle ricchezze, dalla partecipazione alla gestione e alla decisione sui beni collettivi. In questo contesto, dunque, si rende necessario costruire anche un nuovo modello di gestione pubblica attraverso la partecipazione diretta dei cittadini e dei lavoratori.

Inoltre, diviene essenziale un salto di qualità nella nostra iniziativa che non può prescindere dal riuscire a declinare la battaglia dell’acqua più direttamente dentro la crisi, oltre ad individuare forme di lotta, azioni e iniziative che si contrappongano fortemente alle politiche di austerità e neoliberiste, che nei prossimi mesi produrranno il rilancio dei processi di privatizzazione dei servizi pubblici locali, un ulteriore restringimento degli spazi di agibilità democratica, un ridimensionamento dell’efficacia degli strumenti di democrazia diretta e più in generale una legge di stabilità che si annuncia molto pesante.

D'altra parte risulta fondamentale riattivare l'interlocuzione, dove possibile, con gli Enti Locali che continuano a perdere la loro autonomia decisionale ed economica, attraverso i vincoli del patto di stabilità e la riorganizzazione conseguente alla legge Del Rio sulle Provincie e città metropolitane.

Infine, crediamo sia determinante, per sottrarsi dall'attacco neoliberista e rilanciare una visione alternativa, costruire un'alleanza sociale tra le lotte per i beni comuni che sappia produrre una narrazione comune e, a partire dalla valorizzazione delle singole lotte, dare vita ad una mobilitazione sociale diffusa e ampia.

Per questo abbiamo deciso di organizzare assemblee macro-regionali (individuando per il momento quali sedi Genova il 20 Settembre, Bologna in via di definizione, Termoli e Salerno il 4 Ottobre, verificando anche la possibilità di allargarle anche ad altre sedi), all’interno delle quali sviluppare, anche insieme ad altre realtà che si battono per i beni comuni, iniziative e strumenti concreti per:

  • garantire il diritto all’acqua, anche attraverso la riattualizzazione delle nostre campagne storiche (obbedienza civile, ripubblicizzazione, ecc.), oltre a lanciare quella sulla costituzionalizzazione del diritto all’acqua e dei diritti della natura;

  • rafforzare l’iniziativa sul tema della tutela qualitativa e quantitativa dell’acqua;

  • contrastare i nuovi processi di privatizzazione;

  • recuperare spazi di democrazia;

  • rafforzare i nessi e costruirne nuovi con le realtà attive sui beni comuni, a partire dalla costruzione della “scuola dei beni comuni”.

 

Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

 
Decreto "Competitività": deputati e Governo tutelino la salute dei cittadini, non chi inquina
bonifiche

Comunicato Stampa

PER CANCEROGENI E TOSSICI ARRIVANO I LIMITI "VARIABILI": NEL DECRETO COMPETITIVITA' SULLE BONIFICHE SIAMO ALLA VERA FOLLIA "CONSAPEVOLE"

NEL PASSAGGIO AL SENATO IL DECRETO RINOMINATO "INQUINATORE PROTETTO" PEGGIORA ULTERIORMENTE

APPELLO AI DEPUTATI: TUTELATE LA SALUTE DEI CITTADINI, NON CHI CONTAMINA

I limiti di legge per cancerogeni e tossici nei suoli potranno variare da zona a zona in Italia. Per fare l'ennesimo regalo agli inquinatori si escogitano soluzioni di ogni tipo che ormai rasentano la follia.
Leggi tutto...
 
Scrivi anche tu ai Deputati e al Governo "votate il risanamento ambientale, non i regali agli inquinatori"
bonificheIl Governo Renzi sta varando un regalo per gli autori dei peggiori disastri ambientali.

Il decreto "Competitività e tutela ambientale" ora in Parlamento è una sanatoria per chi ha inquinato. Altro che "chi inquina paga".

Sostanzialmente si demanda tutto al privato in un vero e proprio "far west" dove a rimetterci sono solo le comunità che vivono nelle migliaia di luoghi inquinati del paese.

Attualmente il decreto è in discussione allla Camera. E' dunque urgente fare pressione su tutte le deputate e i deputati affinchè si adoperino modificare radicalmente tali norme.

Per questo proponiamo di scrivere da subito alle/ai deputate/i e ai rappresentanti del Governo (in allegato l'indirizzario email) inviando il testo di seguito.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 102