Forum Italiano dei movimenti per l'acqua

authentic cup cath of cape Dether ICO review of world of bitсoins
BEST site of reviews and ratings ico review network of world of bitсoins

16-17 MAGGIO - SCRIVI ANCHE TU AI SENATORI "NO ALLA PROROGA, FUORI L'ACQUA DA ARERA!"

Volantino fronte A5 ARERA 04 15x21cm

Il decreto con cui si intende prorogare il mandato all'ARERA - Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (DL 30/2018) è passato al Senato ed è stato assegnato alla Commissione speciale per l'esame degli atti urgenti presentati dal Governo.


Per l’enormità dei compensi ai 5 consiglieri dell'ARERA (quasi €1.400.000 l’anno pagato con le tariffe), per la gravità delle loro scelte, per l’enorme conflitto di interessi in atto (il controllore è finanziato dal controllato), per la responsabilità sui conguagli tariffari arretrati e da ultimo poiché riteniamo che l’approvazione di una nuova norma tariffaria non possa essere in nessun caso considerata mero adempimento tecnico, bensì elemento sostanziale di rispetto del voto democratico della maggioranza assoluta del popolo italiano,

chiediamo lo STOP alla proroga e il ritorno delle competenze sul servizio idrico integrato, oggi in capo all'ARERA, al Ministero dell’Ambiente.

 
Il decreto è iscritto all'ordine del giorno della Commissione fissata per mercoledì 16 maggio.
 
Per cui si propone di fare un'azione di pressione sulle senatrici e i senatori componenti della Commissione (in allegato l'elenco delle email)
per il 16 e 17 maggio inviando la mail di seguito.
 
------------------------
 
 
 

OGGETTO: "NO alla proroga, fuori l'acqua da ARERA!"

 
 
Gentile Senatrice/Senatore,

con il decreto legge 30/2018 "Misure urgenti per assicurare la continuità delle funzioni dell'Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (ARERA)" il Governo intende prorogare il mandato all'ARERA fino alla nomina dei nuovi componenti e comunque non oltre il novantesimo giorno dall'insediamento del prossimo Governo.

Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua riconferma il suo giudizio assolutamente negativo sull'operato di ARERA.

Giudizio che parte soprattutto dal mancato rispetto dell'esito referendario e dunque dalla mancata eliminazione dalla tariffa di qualsiasi voce riconducibile alla remunerazione del capitale investito. Al contrario l’Autorità ha fatto rientrare dalla finestra i profitti garantiti per i gestori sotto la denominazione di “costo della risorsa finanziaria”. Sostanzialmente non ha fatto altro che reintrodurre il vecchio meccanismo “eludendo” il risultato del referendum con il quale la maggioranza assoluta delle italiane e degli italiani ha deciso esattamente l’impossibilità di remunerare in tariffa il rischio d’impresa, piccolo o grande che sia, in quanto ha sancito il divieto di continuare a fare profitti sull’acqua.

Così facendo l’Autorità lascia che i soldi, e sono tanti, del settore idrico siano sottratti agli investimenti nel servizio - o per la riduzione della tariffa - per distribuirli invece come dividendi agli azionisti pubblici e privati.

ARERA ha avallato l’esproprio di milioni di euro con l’addebito sulla bolletta dell'acqua di un “conguaglio ante 2012”, chiamandosi fuori da ogni responsabilità. Alle proteste ha risposto di rivolgersi caso mai alla magistratura. Lo abbiamo fatto e non solo i Giudici di pace di Torino e La Spezia - ma in questi giorni anche il Tribunale di La Spezia - ci hanno dato ragione, giudicando illegittimo tale conguaglio e condannando l'azienda idrica locale a restituirlo agli utenti.

Da ultimo ARERA - in spregio alla legge e con meccanismi contorti e assurdi - ha praticamente sottratto ai Comuni rappresentati nelle Conferenze ATO locali, il diritto di stabilire una tariffa annuale dell’acqua trasparente, equa e giusta.

ARERA ha dimostrato di non tutelare né il servizio idrico né gli utenti, ma solo gli interessi delle aziende che dovrebbe controllare ma dai finanziamenti delle quali dipende la sua stessa esistenza.

Per l’enormità dei compensi ai suoi 5 consiglieri (quasi € 1.400.000 l’anno pagato con le tariffe), per la gravità delle loro scelte, per l’enorme conflitto di interessi in atto (il controllore è finanziato dal controllato), per la responsabilità sui conguagli tariffari arretrati e da ultimo poiché riteniamo che l’approvazione di una nuova norma tariffaria non possa essere in nessun caso considerata mero adempimento tecnico, bensì elemento sostanziale di rispetto del voto democratico della maggioranza assoluta del popolo italiano,

chiediamo lo scioglimento di ARERA
e il ritorno delle sue competenze sul servizio idrico integrato al Ministero dell’Ambiente.

Confidiamo nella Sua competenza e sensibilità e chiediamo fin d’ora:
che si faccia carico di presentare un emendamento che escluda la proroga delle funzioni attinenti il servizio idrico;
- un incontro per argomentare il fondamento della richiesta di scioglimento di ARERA Settore Idrico.
 
Cordiali saluti.
........... 

Sostieni il Forum 
acquista
Copertina Il Contastorie

scopri gli altri gadget

5x10002015