Forum Italiano dei movimenti per l'acqua

authentic cup cath of cape Dether ICO review of world of bitсoins
BEST site of reviews and ratings ico review network of world of bitсoins

Calabria - L’Acqua è un Bene Comune! MANNAni na risposta…

Stop SoricalCon estrema lentezza prosegue la costruzione dell'ennesimo carrozzone, per nulla rappresentativo della complessità sociale e territoriale della Calabria, che dovrà governare il servizio idrico integrato regionale.

L’Autorità idrica della Calabria (AIC) ha eletto lo scorso lunedì come suo presidente il sindaco di Rende, Marcello Manna, e come vice presidente il sindaco di Cicala Alessandro Falvo.

Nella stessa seduta, che si è svolta nella sede della Regione a Catanzaro è stato eletto il Consiglio Direttivo dell’Ente di Governo d’Ambito, del quale fanno parte i sindaci dei Comuni di Reggio Calabria, Crotone, Catanzaro, Castrolibero, Arena, Longobucco e Montebello Jonico, e che ha scelto al suo interno come presidente il sindaco del Comune di Castrolibero Giovanni Greco. Costatiamo come il capoluogo di provincia, Cosenza, e una delle città più popolose della Calabria, Corigliano-Rossano, rimangano completamente fuori dai giochi. Rende, invece, dopo la presidenza dell’Ato per la gestione del ciclo dei rifiuti si “aggiudica” anche la presidenza dell’AIC.

Visti i nuovi assetti governativi dell'AIC non possiamo non chiedere nuovamente quali siano gli indirizzi di questo "nuovo" organismo. Noi, ovviamente, rimaniamo per una gestione pubblica e partecipata dell’Acqua che è un Bene Comune.

Già nel 2016, alla scadenza dell’affidamento del servizio, proponevamo al Sindaco di Rende e di Castrolibero il coraggio della ripubblicizzazione. Al contrario fu costituita una società a responsabilità limitata - la Acque Potabili Servizi Idrici Integrati S.r.l. - che subentrò all’omonima Acque Potabili S.p.A. nella gestione del servizio idrico in 6 comuni (Aiello Calabro, Altilia, Castrolibero, Dipignano, Luzzi e Rende). Nell’assemblea cittadina del 2018, insieme ad esponenti del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua e al Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica “Bruno Arcuri”, ci chiedevamo invece: “Chi decide sull’Acqua? Di nuovo la SORICAL? L’AIC? E con quale tipologia di governo? Pubblica, Privata o Mista? Nessuna risposta al momento.

Non possiamo quindi che riformulare la stessa domanda posta allora: “quale futuro per la gestione dell’acqua?”. Domanda ovviamente retorica alla quale ridiamo la nostra risposta proponendo un percorso di ripubblicizzazione trasparente e partecipato da comitati, cittadini e lavoratori che possa sottrarre il bene comune per eccellenza, l’acqua, alle logiche mercantilistiche e privatistiche che sempre provano ad invadere la gestione dei beni comuni. La ripubblicizzazione partecipata dell’acqua assume oggi un significato politico ancora più importante, visti i risultati disastrosi avuti dalla SORICAL a giuda Veolià, in un momento di particolare svilimento dell’amministrazione pubblica locale e l’amnesia che affligge anche l’ultimo governo rispetto all’esito referendario del 2011.

Cosa faranno i vertici neo-eletti dell’AIC? Speriamo che dietro le nuove sigle e le comunicazioni altisonanti non si celino i soliti vecchi programmi!

Rende (CS), 31.07.2019

Coordinamento Territoriale #DecidiamoNOI

volantino Acqua pubblica2018

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa