Forum dei Movimenti per L'Acqua

Brenta - Mobilitazione sugli Statuti Comunali

acquapubblica_adesivoPER L'ACQUA PUBBLICA, INIZIATIVA DI MOBILITAZIONE NEL BASSANESE E AD ASIAGO

L'incontro dello scorso 2 maggio a Bassano ha permesso di evidenziare come anche nel bassanese

sia ancora forte la volontà di far valere l'esito dei referendum sull'acqua pubblica del 2011, nonostante in questi due anni si sia ripetutamente tentato di vanificarlo, con leggi poi dichiarate incostituzionali, con comportamenti dilatori da parte di alcuni gestori, con la sottrazione alle autorità locali di importanti competenze sulle politiche dell'acqua, prima fra tutte quella di determinare la tariffa, competenza ora assegnata all'Autorità Nazionale per l'Energia Elettrica e il Gas che procede con metodo giudicato anch'esso non conforme al mandato referendario.

La mobilitazione dunque prosegue con una raccolta di firme volta ad ottenere, in appoggio alla volontà dei cittadini, una presa di posizione chiara da parte dei nostri amministratori, con l'inserimento negli Statuti Comunali dell'impegno a mantenere pubblica, partecipata e priva di finalità di profitto la gestione del servizio idrico integrato del nostro territorio.

Il testo che si chiede di inserire in Statuto è il seguente:

“Il Comune riconosce lo status dell’acqua come bene comune e l’accesso all’acqua e ai servizi igienico- sanitari come diritto umano universale, indivisibile, inalienabile. Garantisce che la proprietà e la gestione della rete e degli impianti di acquedotto, distribuzione, fognatura e depurazione siano pubbliche e inalienabili.”

“Il servizio idrico integrato è un servizio pubblico di interesse generale. Il Comune, in attuazione della Costituzione e in armonia con i principi comunitari, per promuovere nel proprio territorio la coesione sociale e la solidarietà, garantire la protezione dell’ambiente e della salute, si impegna, nell’ambito delle competenze che gli sono riconosciute dalla legge, a che la gestione del servizio idrico integrato sia effettuata da un soggetto totalmente pubblico, che escluda ogni profitto, non sia tenuto alle leggi del mercato e della concorrenza, operi con efficienza e trasparenza e con modalità che assicurino il coinvolgimento, la partecipazione e l’impegno condiviso dei cittadini.”

La raccolta firme si svolgerà nei paesi del territorio in tempi diversi adeguati alle realtà locali, ma tutti i comuni sottoelencati convergeranno anche in una giornata comune il prossimo 12 maggio.

Si firmerà dunque Domenica 12 maggio

− a Bassano del Grappa in Via Jacopo da Ponte dalle 9.00 alle 12.30 (i cittadini troveranno un banchetto anche nella mattinata di sabato in Via Verci)

− a Marostica in Piazza degli Scacchi dalle 9.00 alle 12.30

− ad Asiago nella Piazza del Municipio dalle 8.00 alle 13.00

− a Rosà in Piazza Cardinale Baggio e nella frazione di S. Pietro dalle 9.00 alle 12.30

− a Solagna nella Piazza antistante la Chiesa dalle 8.00 alle 13.00

− a Cartigliano in Piazza della Concordia dalle 8.30 alle 12.30

− a Romano

− a Tezze sul Brenta nella Piazza della Chiesa dalle 8.00 alle 13.00

Nell'occasione si potrà sottoscrivere, come in tutta Italia nella giornata del 12, anche l'Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE), volta ad ottenere normativa comunitaria per la gestione dei servizi idrici fuori dalle regole del mercato. Per l'ICE, prevista dal trattato di Lisbona, si può firmare anche on line al sito www.acquapubblica.eu

(l'ICE potrà partire solo al raggiungimento in almeno 7 paesi europei di un numero minimo di sottoscrizioni, minimo che in Italia non abbiamo ancora raccolto).

 

Per COMITATO ACQUA BENE COMUNE BRENTA

Mariagrazia Parolin

 

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

volantino Acqua pubblica2018