Forum dei Movimenti per L'Acqua

News Acqua Sardegna (dicembre 2014)

SardegnaCOMUNICATO – Custas befas non mi las bufo - Contro le richieste di deposito cauzionale, fatte passare in modo ingannevole come imposte dall’Aeegsi e non contemplate dalla Carta dei servizi. Contro la beffa delle procedure di conciliazione con le quali Abbanoa propone prescrizioni relative a periodi per i quali i cittadini ne hanno già diritto, il Comitato ABC P&M invita i cittadini a non aderire a tali proposte e ad opporsi alle fatture ingiuste e sbagliate con lo strumento del reclamo. Scarica i moduli sul sito https://benicomuniplanargia.wordpress.com/

 

ABBANOA – Dopo la cauzione arriva il conguaglio: 80 euro a famiglia Un’altra novità dopo le polemiche sulla cauzione. Si tratta di un conguaglio di 80-90 euro per ripianare le uscite: in sostanza per offrire il servizio ai 713mila utenti sardi Abbnoa ha sceso 106 milioni di euro in più rispetto alle entrate. L’iter è stato rispettato: prima, qualche mese fa, il parere all’Autorità garante per l’energia elettrica, poi all’assemblea dei sindaci. Tutti positivi. Ora l’adeguamento a famiglia arriverà via posta, probabilmente a inizio 2015. Per l’amministratore unico Ramazzotti il problema restano le tariffe troppo basse per il servizio idrico che non corrispondono, in Sardegna e in  Italia, ai costi...

I COMUNI – Abbanoa dialoghi di piùAnci Sardegna chiede ad Abbanoa di fornire agli utenti un chiarimento sulle scelte contestate e di condurre a un’operazione di dialogo e di riconciliazione con l’opinione pubblica. L’Anci ha ribadito che resta irrinunciabile il principio della gestione interamente pubblica dell’acqua. Quanto ai depositi cauzionali, l’associazione dei comuni rileva che i due terzi dei sardi hanno già pagato. “Sarebbe onestamente difficile sostenere che la parte rimanente debba essere ora esentata, per una elementare ragione di equità”, sostengono gli enti locali e azionisti di Abbanoa...

CAUZIONI ABBANOA – I consumatori: indaghi l’AntitrustL’Unione nazionale consumatori Sardegna ritiene illegittima la richiesta fatta dalla società idrica Abbanoa agli utenti perché versino un deposito cauzionale e invita l’Aeegsi e l’Antitrust ad aprire un’istruttoria. Secondo la segretaria regionale dell’Associazione, la decisione del gestore unico dell’acqua è in palese contrasto con la carta dei servizi del 2007 e non aggiornata con le nuove normative per il collegamento ai consumi delle singole utenze, né è parametrata alla qualità del servizio...

CAUZIONI ABBANOA – La class action va avantiLa Corte dichiara ammissibile l’azione di classe proposta dal Comitato l’Acqua in Sardegna. Dispone che siano inclusi nella classe e possono aderire all’azione tutti gli utenti del servizio idrico gestito dalla società Abbanoa Spa interessati da limitazioni di orario nell’erogazione dell’acqua. Fissa il termine perentorio di 120 giorni dalla scadenza del termine per l’esecuzione della pubblicità, per il deposito degli atti di adesioni presso la Cancelleria del Tribunale di Cagliari, anche a cura delle parti attrici...

ABBANOA – Recupero crediti per 50milioni affidato a due legaliIncarichi per milioni di euro, conferiti a studi legali senza alcuna selezione pubblica. Alla fine del 2013 erano 58 gli avvocati impegnati in attività di patrocinio a favore di Abbanoa, procedimenti penali a carico di dirigenti e soprattutto cause civili intentate da utenti vessati, colpiti da slacci improvvisi del servizio, costretti a pagare per forniture incerte, vecchie di anni. Un impressionante moloch di incarichi professionali, un eldorado per studi legali beneficati dalle scelte della direzione generale, toccati da una grazia che può valere parcelle dorate...

Notizie dai Continenti...

COMUNICATO STAMPA – La Camera cancella il diritto all’acqua e benedice i distacchi idrici - Il 13 novembre scorso la Camera ha approvato il Collegato Ambientale alla legge di stabilità 2014, cancellando un articolo che impediva i distacchi del servizio idrico e garantiva il diritto all'acqua tramite il minimo vitale. In un momento in cui il Governo Renzi lavora alle nuove privatizzazioni, si vuole rendere il servizio idrico ancor più appetibile alle lobbies economiche e finanziarie, cercando di dimostrare che l'acqua non è un diritto, ma una merce come le altre. La maggioranza degli italiani però non la pensa così: in 27 milioni hanno votato ai referendum del 2011 affinché l'acqua fosse svincolata dalle logiche di mercato...

COMUNICATO STAMPA – Aumentano le tariffe e si rilancia la privatizzazione dell’acqua, due facce della stessa medagliaIn questi giorni sta facendo notizia l’aumento delle tariffe idriche, annunciato dall’Aeegsi, “ritenuto necessario a favorire investimenti prioritari per il settore”. Purtroppo fin qui nessuna novità: le tariffe idriche stanno aumentando in modo costante ormai da anni. La vera notizia è invece il rilancio della privatizzazione del servizio idrico. L’Aeegsi auspica, infatti, un “processo di aggregazione e di rafforzamento della gestione dei servizi pubblici locali a rete. Il disegno è piuttosto chiaro: la gestione dell’acqua affidata ai quattro colossi multiutility attuali – A2A, Iren, Hera e Acea – già collocati in borsa...

Saluti e alla prossima newsletter

Comitato AcquaBeneComune (ABC) di Planargia e Montiferro

www.benicomuniplanargia.wordpress.com  
http://www.facebook.com/group.php?gid=259680392309
Per comunicazioni
benicomuniplanargia@tiscali.it
  
Informazioni sulla Privacy

Gli indirizzi presenti nel nostro archivio provengono da elenchi di pubblico dominio

o da autorizzazione dei possessori e dall’attività di corrispondenza per posta elettronica con il Comitato.
I dati personali sono trattati in ottemperanza del D.L. 196/2003 (Legge sulla Privacy).

Tutti i destinatari ricevono la presente newsletter in copia nascosta.

E’ possibile sospendere in qualsiasi momento la ricezione di questa NewsLetter

inviando una mail con oggetto «cancella» a:    

benicomuniplanargia.news@googlemail.com

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

volantino Acqua pubblica2018