Forum dei Movimenti per L'Acqua

Viterbo 4/6 - Iniziativa pubblica "No Talete, sì acqua pubblica!"

Logo comitato viterbo

Il Coord.to Provinciale dei Comitati per l’acqua Pubblica "NON CE LA BEVIAMO" invita cittadine e cittadini a partecipare alla manifestazione convocata per il giorno 4 Giugno alle ore 17,30 presso Piazza del Plebiscito a Viterbo.
Per cambiare il modello di gestione del nostro servizio idrico perché l’acqua appartiene alla comunità.
Per respingere il tentativo di Talete di cedere il 40% del capitale sociale.
Per fermare gli aumenti indiscriminati delle tariffe idriche.

Già oggi le bollette dell’acqua sono esose e l’arsenico arriva nei nostri rubinetti, condizione che potrebbe peggiorare con l’arrivo di operatori economici che non solo dovranno recuperare quanto speso per l’acquisizione del 40% del capitale sociale ma che vorranno anche ottenere un utile certo da questo investimento.
I sindaci, per non assumersi alcuna responsabilità, lasciano mano libera alla Talete.

Occorre cambiare rotta,l’acqua è un bene di tutti e deve essere pubblica e non in mano a Società di diritto privato che perseguono il loro interesse economico.

A dieci anni dal Referendum nel quale la maggioranza del popolo italiano disse No a chi voleva privatizzare il ciclo delle acque, e dopo l’approvazione della Legge Regionale 5/2014, è inaccettabile che Talete, e i Sindaci soci, decida di cancellare il voto degli italiani pubblicando un bando mirato a consentire a non meglio identificati “Operatori Economici“ di acquistare il 40% del Capitale sociale.

Chiediamo alle forze politiche, ai consigli comunali, di non essere complici dell’arroganza di questa gestione e di rispettare quanto i consigli comunali stessi avevano deciso, ossia che l’acqua non può essere privatizzata.

Affinché l’acqua non sia più in mano ad una S.p.A. ma torni ad essere gestita dalla comunità a cui appartiene, tutti in Piazza del Plebiscito a Viterbo il 4 Giugno alle 17,30.


Coord.to Prov.le Comitati Acqua Pubblica

NON CE LA BEVIAMO

 

*****

 

"No Talete, sì acqua pubblica!"


Il comitato "Non ce la beviamo" ha presentato ieri 28/5/2021 un esposto alle autorità competenti in quanto si ravvisano violazioni nell’iter di gestione del servizio idrico della provincia di Viterbo, con particolare riferimento agli obblighi di trasparenza , pubblicità e diffusione degli atti amministrativi di cui al Decreto Lgs n. 33/2013.

La riunione dell’ATO 1 del 26/4/2021 che doveva tenersi in forma pubblica è stata di fatto svolta a porte chiuse impedendo ai cittadini di poter assistere e dalla medesima riunione non risulta essere scaturita alcuna pubblicazione delle decisioni assunte né tantomeno del verbale con le votazioni dei Sindaci.

Nel frattempo Talete procede con la manifestazione del bando di interesse per cessione del 40% delle quote di Talete spa , ed è di ieri la notizia che i Sindaci, su invito del Presidente della S.p.a., approvano il nuovo aumento delle tariffe.

E’ inaccettabile che i Sindaci , in tempo di crisi, si comportino come soci di una qualsiasi S.p.a. calpestando le delibere comunali approvate che vietano gli aumenti delle tariffe e continuando a gestire l’acqua come fosse un affare privato.

Il paventato stato di crisi aziendale è il risultato di una gestione improntata a logiche privatistiche , partitocratiche e clientelari piuttosto che alla garanzia di un servizio essenziale.

Il Presidente di Talete spa ha dichiarato di avviare la ricerca di fondi pubblici ma non ci risulta alcun atto ufficiale in merito, solo chiacchiere. L’unica cosa che ci risulta sia stata avviata di concreto è il bando di manifestazione di interesse per cedere il 40% del capitale sociale a nuovi operatori economici; un bando che a nostro giudizio, sembra il vestitino su misura per accogliere Acea, portando a compimento così il piano di privatizzazione, vero obiettivo che perseguono da anni i partiti politici e i sindaci piegati al volere delle multinazionali.

L’ingresso di un partner privato non modificherà minimamente l’andamento tenuto finora, anzi tenderà ad esasperarlo, perché i costi che ricadranno per intero sulla tariffa comprenderanno anche la quota dei dividendi che poi verranno ripartiti tra i soci.

Nell’esposto presentato si chiede di avviare un’ indagine al fine di accertare se il bando di manifestazione di interesse pubblicato da parte di Talete S.p.A sia conforme a quanto previsto dallo Statuto.

Sarebbe necessario prendere atto del fallimento di questo modello di gestione privatistico e avviare un processo di ripubblicizzazione sul modello previsto dalla legge Regionale 5/2014 che prevede anche fondi pubblici a sostegno della tariffa.

Da parte nostra faremo opposizione a questo scellerato progetto con tutti i mezzi a nostra disposizione, da quelli legali, istituzionali a quelli di piazza.

Facciamo appello ai cittadini, a tutte le forze politiche, ai Sindaci e ai Consiglieri comunali contrari alla privatizzazione, per mettere fine a questo modello di gestione e a sostenere la battaglia per la gestione pubblica dell’acqua in tutte le sedi.

Dopo aver presentato l’esposto, chiedendo pubblicamente incontro al Prefetto, diamo appuntamento a tutti i cittadini il 4 giugno alle ore 17,30 a Piazza del Comune a Viterbo per far sentire forte la nostra voce.

Coord.to Prov.le Comitati Acqua Pubblica

NON CE LA BEVIAMO

Attachments:
Download this file (Locandina_iniziativa_Viterbo_4-6-11.jpg)Scarica la locandina[ ]276 kB

Flyer A5 fronte 5x1000 2021 vert

volantino Acqua pubblica2018