Forum dei Movimenti per L'Acqua

Al presidente dell’AATO 5 e ai Sindaci della Consulta d’Ambito: è necessario ripubblicizzare il servizio

Legge regionale-ACEAIn occasione della convocazione della Consulta d’Ambito di lunedì 30 ottobre, rinnoviamo la richiesta al Presidente dell’AAto, al sindaco di Frosinone, di Veroli, di Ceprano, di Morolo, di Aquino, di Sora, di Picinisco e di Sgurgola di inserire nell’ordine del giorno della prossima Assemblea la “Ripubblicizzazione del Servizio Idrico Integrato” per discutere sulla definizione dei nuovi ambiti di bacino idrografico e predisporre uno studio di fattibilità tecnica ed economica che esamini le diverse opzioni di ripubblicizzazione.

I cittadini organizzati in comitati spontanei negli anni non sono stati a guardare e ad aspettare, tanti hanno un legittimo contenzioso aperto con il gestore e continuano a subire  le minacce di distacco.Acea, infatti, avvalendosi della circostanza per la quale opera in regime di monopolio per la fornitura di un bene vitale ed essenziale come l’acqua, impiega laleva commerciale della minaccia di interrompere il servizio.

Negli anni abbiamo capito il fallimento della privatizzazione dell’acqua incarnato da Acea e dagli amministratori complici, e che non ne saremmo venuti a capo se non avessimo cambiato rotta.

Ci siamo messi a studiare, a capire come liberarci veramente e definitivamente del gestore. Abbiamo voluto cambiare le regole del gioco e abbiamo  presentato una proposta di Legge regionale di iniziativa popolare. Quella proposta è diventata Legge già nel 2014, si chiama “Tutela, governo e gestione pubblica delle acqua”. Questa Legge ha dato al Lazio (a differenza di altre regioni d’Italia) la possibilità di cambiare rotta, di definire dei nuovi Ambiti Territoriali (più piccoli e gestibili) e di avere una nuova Convenzione di Cooperazione che vuol dire che i Comuni all’interno dell’Ambito possono riorganizzarsi da zero e decideredi riportare la risorsa ed il servizio sotto il controllo dei cittadini.

Abbiamo sostenuto i Sindaci che un anno fa in Conferenza deliberavano la risoluzione del contratto con la società Acea Ato 5 Spa per gravi inadempienze nella gestione del servizio idrico integrato ma avremmo voluto che tutti i nostri contenziosi (sempre mandati per conoscenza alla Segreteria tecnica dell’Ambito), i disservizi da noi rilevati, le nostre difficoltà con il gestore fossero presi a supporto della risoluzione. Avremmo voluto che le persone a cui Acea ha tolto l’acqua avessero avuto il diritto di essere difesi dai propri Sindaci, diritto negato dal Tar che ha accolto il ricorso del gestore alle ordinanze sindacali di riallaccio immediato.

E poi in avvocatese ci viene spiegato che un conto è il rapporto privatistico (quello tra il gestore e il privato) e un conto è quello pubblicistico (quello tra il gestore e l’Ambito). Abbiamo capito ancora di più che il lavoro fatto da parte nostra per cambiare tutto questo sistema era stato giusto.

È necessaria una rinnovata iniziativa di tutte le pubbliche istituzioni per reindirizzare il governo e la gestione del servizio idrico verso la ripubblicizzazione anche in questo territorio. Il traguardo non è facile ma è possibile come ci insegna il Consiglio Comunale di Torino che ha da poco approvato la trasformazione di SMAT S.p.A. in Azienda di diritto pubblico e avviato un percorso – con le cadenze definite nel Documento Unico di Programmazione allegato al Bilancio preventivo 2017 – che dovrà coinvolgere anche gli altri Comuni dell’Area Metropolitana.

Intanto in diversi Comuni dell’Ato 5 si stanno calendarizzando i Consigli comunali con all’odg la proposta di mozione “Impegno per l’attuazione della Legge regionale 4 aprile 2014, n. 5 Tutela, governo e gestione pubblica delle acque”.

La strada è già stata tracciata dai cittadini, le istituzioni pubbliche devono solo percorrerla.

27 Ottobre 2017.

Comitato Provinciale Acqua Pubblica Frosinone

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

volantino Acqua pubblica2018