Forum dei Movimenti per L'Acqua

Risoluzione/Soluzione ACEA ATO 5 SpA - Definiamo il nuovo Ambito di Bacino Idrografico “Sacco”, fermiamo le operazioni di acquisizione di Acea SpA

Logo ABI SaccoI cittadini sono in campo, i Sindaci che fanno? Giovedì 24 novembre 2016, presso il Salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone gremito di cittadini stanchi del grosso imbroglio dell’attuale gestione del servizio idrico e dei soprusi di Acea e certi di poter proporre un’alternativa giusta e sostenibile, è stata messa in scena la prima Assemblea dei comuni dell’Ambito di Bacino Idrografico “Sacco”, così come dovrebbe essere se si attuasse la Legge Regionale n. 5/2014 “Tutela, governo e gestione pubblica delle acque”.

Una sorta di provocazione, vista l’inerzia della Regione Lazio nel dare attuazione a tale norma rivoluzionaria, coerente con l’esito del Referendum del 2011 sull’acqua.
Dopo gli approfondimenti del dott. Bengasi Battisti fondatore del Coordinamento nazionale Enti locali per l’Acqua Bene Comune, nonché sindaco firmatario della proposta della suddetta legge, e del prof. Alberto Lucarelli, ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico all’Università di Napoli Federico II, nonché redattore dei quesiti referendari contro la privatizzazione dell’acqua, l’Assemblea ha deliberato i seguenti punti:
- la costituzione dell’Ambito di Bacino Idrografico “Sacco”, con la relativa Convenzione di Cooperazione tipo, come da Proposta di legge regionale n. 238/2015;
- l’immediata risoluzione della Convenzione di Gestione in essere in danno di ACEA ATO 5 S.p.A.;
- la destituzione da ogni incarico dei componenti della Segreteria Tecnica Operativa e l’avvio dell’azione legale volta al risarcimento dei cittadini per il suo operato in danno degli stessi;
- l’impegno dei comuni ricadenti nell’Ambito di Bacino Idrografico “Sacco” alla costituzione dell’azienda speciale consortile “Acqua Bene Comune Sacco”, brevemente ABC Sacco, alla quale affidare la gestione del SII;
- la ricerca di adeguati strumenti di finanza pubblici, come i Buoni Ordinari di cui all’articolo 35 della legge 23 dicembre 1994 n.724 per il finanziamento del Piano degli Investimenti collegato al Piano d’Ambito che verrà adottato.
- di chiedere alla sindaca di Roma l’adozione degli atti necessari alla sostituzione/nuova nomina del management di ACEA S.p.A.; di approvare atti formali volti alla dismissione da parte di ACEA S.p.A. di tutte le partecipazioni in società che operano al di fuori del Comune di Roma;

Quest’ultimo punto è necessario per fermare le operazioni societarie di Acea SpA, rese ufficialmente note in questi giorni, volte a realizzare il disegno di diventare il grande gestore del centro sud Italia inglobando tutte le società di gestione dei servizi idrici, ambientali ed energetici. L'azienda di Piazzale Ostiense, ha infatti acquisito da Veolia il 100% delle quote di Idrolatina, che a sua volta detiene il 49% di Acqualatina, e il 19,2 % di GEAL (gestore del servizio idrico di Lucca), giungendo così a detenere il 48% delle partecipazioni. Inoltre ha acquisito il 100 % di Severn Trent Italia, che a sua volta deteneva il 64 % di Umbriadue Servizi Idrici, e l'80 % di ISECO, entrambe dalla multinazionale britannica Severn Trend Plc.

Chiediamo a tutti i sindaci del “vecchio” ATO5 di prendere in esame il modello di gestione proposto, frutto del lavoro svolto a valle del Referendum del 2011 dai cittadini attivi nei comitati per l’acqua pubblica, in quanto alternativa concreta a quello attuale, e sostenere la proposta di delibera votata all’unanimità dai cittadini durante l’Assemblea del 24 novembre u.s., e di inserirla nell’odg della prossima Consulta d’Ambito convocata per il 30 novembre p.v. e quindi della successiva Assemblea dei sindaci.

Frosinone 26 Novembre 2016.

Comitato provinciale Acqua Pubblica Frosinone

 

Foto assemblea Frosinone 24-11-16

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

volantino Acqua pubblica2018