Forum dei Movimenti per L'Acqua

22-24 marzo - Mobilitazione a Bruxelles per il diritto all'acqua

Water ITVOGLIAMO Il DIRITTO UMANO ALL’ACQUA, ORA!
Appello alla mobilitazione europea per l’acqua-22-24 marzo 2015.

Da anni come Movimento Europeo dell’Acqua ricordiamo a tutti che l’accesso all’acqua ed ai servizi igenico-sanitari  è un diritto umano come confermato dalla stessa Onu nel 2010.


Il nostro Movimento è stato parte integrante di una coalizione sociale che è riuscita a creare un interesse ed un  appoggio così vasto da permettere a  due milioni di persone di essere ascoltate nella Unione Europea. E’ passato, però,  già un anno dalla risposta “ positiva “ della Commissione Europea alla prima Iniziativa dei Cittadini Europei e stiamo ancora aspettando interventi concreti in  merito.
La Commissione Europea ha ignorato le richieste dei cittadini  europei e continua per la sua strada verso la  commercializzazione e privitatizzazione. Il tutto in complicità con le multinazionali del settore idrico come dimostra la 4° Conferenza Europea dell’Acqua che la Commissione stessa organizza il 23 e 24 di marzo a Bruxelles alla quale non sono invitati nè i promotori della ICE ne è la cittadinanza.
La crisi ha ulteriormente evidenziato che la politica della Commisione Europea, attraverso la Troika ed imponendo programmi di austerità, entra in conflitto con la cittadinanza europea che si mobilita per difendere l’acqua come bene comune che deve essere garantita come diritto umano attraverso un processo partecipativo e di gestione pubblica.
Come Movimento Europeo dell’Acqua ci mobiliteremo il 23 ed il 24 di Marzo  a Bruxelles con gente proveniente da tutta Europa.
Lo faremo da un lato per ricordare alla Commissione Europea che deve rispondere non alle coorporazioni ma ai propri cittadini e dall’altro per dialogare con i Parlamentari europei  che stanno preparando una risoluzione in difesa del diritto umano all’acqua  ed ai beni comuni.
Chiediamo alla Unione Europea ed agli Stati Membri che dichiarino l’accesso all’acqua ed  ai servizi igenico-sanitari come diritto umano, che fermino la promozione della privatizzazione e la liberalizzazione dei servizi idrici ed igenico-sanitari  e che gli stessi  vengano esclusi senza ambiguità ed in tutte le forme  dagli accordi commerciali.
Organizzare riunioni, dibattiti e proposte non è sufficente a cambiare  i rapporti di forza che impediscono all’acqua di essere considerata bene comune e pubblico.
Bisogna lottare e mobilitarsi come ha dimostrato la cittadinanza greca o irlandese nelle recenti lotte contro la privatizzazione e mercantilizzaione dell’acqua.
Lanciamo quindi un appello a tutti i gruppi, Ong e movimenti a partecipare e costruire insieme la mobilitazione del 22-24 di marzo a partire dai propri territori per mobilitarsi verso Bruxelles , per riempire le strade  con le nostre richieste e proposte. Vi invitiamo a realizzare azioni, attività ed eventi per il diritto umano all’acqua in tutta Europa nella settimana precedente il 23 di Marzo.
L’acqua è un diritto  umano, non è merce!

Movimento Europeo dell’Acqua

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

volantino Acqua pubblica2018