Forum dei Movimenti per L'Acqua


logo-Obbedienza-civileCaro Candidato, ma l'acqua?

 

    Il 12 e 13 Giugno 2011, dopo molti anni, i referendum hanno di nuovo raggiunto il quorum e sono tornati ad essere lo strumento di democrazia diretta che la Costituzione garantisce. La maggioranza assoluta delle italiane e degli italiani ha votato Sì ai due referendum per l'acqua bene comune: oltre il 95% dei votanti si è espresso dunque in favore della fuoriuscita dell'acqua da una logica di mercato e di profitto.

 

   Il combinato disposto dei due quesiti referendari consegna un quadro normativo che rende necessaria la ripubblicizzazione del servizio idrico integrato. Infatti, così come sancito nella sentenza della Corte costituzionale di ammissibilità del I° quesito l'abrogazione del c.d. Decreto Ronchi rimanda direttamente alla disciplina comunitaria in ordine alla gestione dei servizi pubblici locali, la quale prevede anche la gestione tramite enti di diritto pubblico.

   Questa è un'indicazione chiara, su cui i cittadini, e anche alcuni partiti, hanno già espresso la loro volontà. Una volontà che ha che fare su quale direzione percorrere nel futuro in tema di garanzie sociali, diritti collettivi e beni comuni.

   Ad oggi, trascorso un anno e mezzo dalla vittoria referendaria, il Governo attuale così come il precedente non hanno compiuto nessun passo in direzione di quella volontà popolare così chiaramente espressa, mentre diverse sono le misure, approvate e/o proposte, che muovono in direzione opposta.

   Solo l’intervento della Corte Costituzionale con la sentenza 199/2012, del 20 luglio scorso, ha ripristinato la volontà espressa dai cittadini sul primo quesito referendario, quello che ha abrogato l’obbligo alla privatizzazione dei servizi pubblici locali, dichiarando illegittimo l’art 4 del DL 138 avanzato dal governo Berlusconi e confermato dal governo Monti.

   Il 28 dicembre 2012 l'AEEG ha approvato la delibera (585/2012) con cui ha definito il Metodo Tariffario Transitorio del servizio idrico integrato, sancendo, nei fatti, la negazione dei referendum del Giugno 2011.
Per ultimo, il Consiglio di Stato ha ribadito che la quota di capitale investito, va elimitata dalla bolletta, cosa che, ad oggi, nessun gestore ha fatto.

  Poiché pensiamo che l’approvazione di una nuova norma tariffaria non possa essere, in nessun caso, considerata mero adempimento tecnico, bensì elemento sostanziale di rispetto del voto democratico della maggioranza assoluta del popolo italiano, riteniamo sia opportuna una presa di posizione da parte della forza politica da Lei rappresentata.

   Ma ci sembra che in questa campagna elettorale si dica poco e nulla sull'applicazione di quel referendum che riguardava tutti i servizi pubblici locali e ha ribadito in modo chiaro che i cittadini non li vogliono privatizzati.

   Pensiamo che, in un momento in cui si chiede agli italiani di tornare alle urne, sia doveroso che ogni forza politica si esprima su come pensa di applicare la volontà espressa dall'ultima consultazione nazionale: quella dei referendum 2011.

   Rispettare quel voto significa intraprendere la ripubblicizzazione del servizio idrico e contrastare tutte le iniziative che collocano nella sfera del mercato e dei profitti quello che è patrimonio di tutti. Non farlo, significa semplicemente calpestare la democrazia, con tutte le conseguenze che questo può avere su una campagna elettorale.

 

Sull'acqua i cittadini hanno già votato.
Perchè si scrive acqua ma si legge democrazia!

Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

 

Guarda l'elenco delle iniziative

Scarica i materiali

Video

In occasione dell'anniversario del referendum (12-13 Giugno 2020)
abbiamo realizzato un video che prova a raccontare 9 anni di battaglie
per l'acqua bene comune

  • 30/10 ore 14.30/17.00 - Convegno nazionale on line "Società Benefit o Azienda di diritto pubblico… Cosa è meglio per i cittadini?"

    Logo GaiaIl CCAdbr “Coordinamento dei Comitati e delle Associazioni per la depurazione, le bonifiche e per la ripubblicizzazione del servizio idrico” e il “Forum Italiano dei movimenti per l’acqua” hanno organizzato questo convegno, per fare una analisi, un approfondimento e un confronto, relativamente allo studio “Azienda speciale vs Società di capitali nella gestione dei servizi pubblici locali – febbraio 2020della società in house GAIA SpA, che è il gestore del servizio idrico integrato dell’alta Toscana e della zona di costa.

    Leggi tutto...

  • RFI: buchiamo il Morrone per la Roma-Pescara. E l'acqua potabile di Chieti, Pescara e decine di comuni?

    Galleria Morrone RFI evidenziataRFI all'attacco all'acqua di Pescara e Chieti. Vuole bucare il Morrone a monte delle sorgenti del Giardino che alimentano l'acquedotto di Pescara, Chieti e decine di comuni della valpescara.

    Leggi tutto...

  • Forum Mondiale dell'Acqua 2024: non in nostro nome, non in Italia

    Logo ICE acqua diritto umanoAbbiamo appreso con una certa preoccupazione della candidatura ad ospitare in Italia il Forum Mondiale dell’Acqua nel 2024 promossa dalla Scuola di Alta Specializzazione e Centro Studi per la Manutenzione e Conservazione dei Centri Storici in Territori Instabili e sostenuta dal Governo, attraverso il Ministero degli Esteri, dal Dipartimento della Protezione Civile, dall’ISPRA e da associazioni, organismi ed enti non meglio precisati della società civile.

    Leggi tutto...

  • Quando il bene comune è solo merce. Il top manager Irace chiamato ad ALIA

    logo forum toscanoE’ notizia di questi giorni: pare certo che il top manager, Alberto Irace, sia stato chiamato dal Sindaco di Firenze, Nardella, per assumere la carica di Amministratore Delegato di ALIA, l’utility dei RIFIUTI che ha accorpato le aziende operanti sulla Piana Firenze-Prato-Pistoia. Ma il piano ha mire ben più alte poiché sembra prevedere la creazione di una multiutility che inglobi ESTRA, con prevalenza di gestione nel settore GAS, e addirittura PUBLIACQUA, la maggiore società idrica della Toscana. Ovviamente Irace avrebbe il ruolo di guidare l’operazione per poi installarsi, in qualità di AD, nella “mostruosa” società così realizzata.

    Leggi tutto...

Campagne

Mai più come primaLogo campagna Giudizio UniversaleITA StopISDS Logo smallVolantino fronte A5 ARERA 04 15x21cmttipLogo stop Ceta 

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

Logo_campagna_Mauro_Forte

volantino Acqua pubblica2018