Forum dei Movimenti per L'Acqua

lombardia_consiglio_regionaleCOMUNICATO STAMPA

Elezioni Lombardia: una nuova legge regionale per l'acqua pubblica!

L'appello dei Comitati acqua della Lombardia ai candidati alle elezioni regionali

Milano,  04 febbraio 2013 - Nei primi 100 giorni del nuovo governo regionale, deve essere approvata una nuova legge regionale che garantisca la gestione totalmente pubblica dell'acqua in Lombardia.

 

È questo il contenuto dell'appello che il Coordinamento regionale Acqua pubblica della Lombardia rivolge ai candidati presidenti alle elezioni regionali del 24 e 25 febbraio prossimi.

I comitati acqua, che avevano promosso i vittoriosi Referendum nazionali del giugno 2011 contro la privatizzazione dell'acqua, si rivolgono con un appello ai candidati e alle liste politiche, affinché venga approvata una nuova norma regionale che garantisca la gestione totalmente pubblica dell’acqua, da attuarsi tramite l'affidamento ad enti di diritto pubblico, escludendo il ricorso ai privati.

A tale scopo, il Coordinamento regionale Acqua ricorda che a fine 2010 (ovvero pochi mesi prima del Referendum) il Consiglio Regionale approvò a maggioranza una pessima legge che obbligava alla privatizzazione dell'acqua; sulla medesima norma sono inoltre intervenute alcune sentenze della Corte Costituzionale che hanno bocciato buona parte della legge voluta da Formigoni. Ciononostante, il Consiglio Regionale uscente non ha mai provveduto a modificare la legge, che invece, come più volte richiesto dai Comitati acqua, deve essere necessariamente allineata al risultato referendario e alle sentenze della Consulta.

Inoltre con la stessa legge, la maggioranza formigoniana ha tolto ai Comuni la titolarità sulle scelte in materia di servizi idrici, consegnandola alle province.

Ora, dopo i Referendum e in vista di una possibile revisione delle Province, i Comitati acqua chiedono una nuova legge regionale che ripristini la potestà dei Comuni ed assicuri la gestione totalmente pubblica del servizio idrico (acquedotti, fognature e depurazione), che in Lombardia necessita di urgenti investimenti.

Nell’appello i Comitati acqua chiedono a tutti i 5 candidati presidenti (Albertini, Ambrosoli, Carcano, Maroni, Pinardi) e a tutte le forze politiche che li sostengono:

1) di assumere come impegno dei primi cento giorni la formulazione di una legge regionale specifica sul governo e la gestione delle risorse idriche e dell’intero ciclo dell’acqua per tutti gli usi, evitando qualsiasi tentativo di mercificazione della risorsa e di privatizzazione della gestione;

inoltre e in particolare rispetto al Servizio Idrico Integrato (S.I.I.), chiedono che:

2) il S.I.I., inteso quale insieme delle attività di captazione, adduzione e distribuzione di acqua a usi civili, fognatura e depurazione delle acque reflue, sia classificato come un servizio pubblico locale di interesse generale, privo di rilevanza economica;

3) il S.I.I. sia organizzato sulla base di ambiti territoriali ottimali (ATO) corrispondenti ai bacini idrografici;

4) le province, i Comuni e la Città metropolitana organizzino il S.I.I. affidandone la gestione, per ciascun bacino, a soggetti di diritto pubblico;

5) la gestione del S.I.I. sia ispirata a promuovere il risparmio idrico e l’uso dell’acqua di rubinetto da bere.

Coordinamento Regionale Lombardo dei Comitati Acqua Pubblica

Attachments:
Download this file (Appello_regionali_2013_Lombardia.pdf)Scarica l'appello ai candidati[ ]30 kB

Video

Dibattito on line svolto il 24/02 "L’insostenibile inadeguatezza del
Recovery Plan: critiche e proposte
"


E' possibile vedere qui tutti gli interventi e il dibattito

  • 200 associazioni scrivono al Governo su VIA e grandi opere. Servono rigore, trasparenza e partecipazione!

    pianetaB via socialDa 200 associazioni nazionali e locali lettera aperta a Governo, Parlamento e Commissione Europea su grandi opere e Valutazione di Impatto Ambientale. La tutela di salute, clima, biodiversità e paesaggio passi per valutazioni ambientali di piani e progetti svolte con rigore, trasparenza e partecipazione: ecco le nostre proposte.Da Friday For Future al Forum dell'Acqua, da Italia Nostra a centinaia di comitati locali: Ministero dell'Ambiente gravemente inadempiente sulle norme europee, serve immediato stop a progetti fatti male dopo ammissioni del presidente della Commissione V.I.A. nazionale.

    Leggi tutto...

  • Il Comitato Acqua Pubblica Brescia incontra i vertici dell'ATO

    Logo comitato referendum BresciaIeri si è avuto l’incontro, richiesto oltre 30 giorni orsono, tra i vertici Ato, rappresentati dal Direttore Dr. Zemello, dal Presidente Boifava, a cui si è aggiunto il consigliere della provincia con la delega al ciclo Idrico Sarnico ed i rappresentanti del Comitato Referendario Acqua Pubblica Brescia, Mazzacani, Garbarino, Raucci e Aurora.

    Leggi tutto...

  • 40.000 firme per dire NO all’acqua in Borsa

    Logo acqua in borsaOltre 40.000 persone hanno deciso di sottoscrivere l’appello “Quotazione in Borsa dell’acqua: NO grazie” lanciato dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua a fine gennaio.Diverse decine sono anche le adesioni pervenute da parte di personalità del mondo della cultura, dell'attivismo sociale e politico e dello spettacolo di cui si riporta di seguito l’elenco completo.

    Leggi tutto...

  • Rapporto ONU sulla privatizzazione dell'acqua: un esplicito atto d'accusa

    Water human right 1A gennaio scorso, come Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua, abbiamo partecipato alla fase di consultazione in previsione della redazione del rapporto del Relatore Speciale dell'ONU sul diritto all'acqua (Leo Heller) "Human rights and the privatization of water and sanitation services" incentrato sui processi di privatizzazione.

    Leggi tutto...

Campagne

Mai più come primaLogo campagna Giudizio UniversaleITA StopISDS Logo smallVolantino fronte A5 ARERA 04 15x21cmttipLogo stop Ceta 

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

Logo_campagna_Mauro_Forte

volantino Acqua pubblica2018