Forum dei Movimenti per L'Acqua

ROMA – PEDALATA PER L'ACQUA PUBBLICA NELLA GIORNATA DI MOBILITAZIONE IN DIFESA DEI BENI COMUNI.

 

L'AUSPICIO DEI MOVIMENTI ROMANI: “CALTAGIRONE LASCIA ROMA”

 

Oggi, 12 ottobre, anniversario della conquista dell’America e dell'inizio della colonizzazione. Anche in Italia, in solidarietà con le lotte oltreoceano, si svolge una mobilitazione nazionale, attraverso azioni diffuse in difesa dei territori e dei beni comuni, contro le speculazioni private.

La svendita del patrimonio pubblico, statale e degli enti locali, la privatizzazione dell’acqua, dell’energia, dei servizi pubblici, le speculazioni edilizie e la cementificazione selvaggia, così come una gestione criminale dei rifiuti, sono gli strumenti attraverso i quali i poteri finanziari moltiplicano il profitto privato sottraendo alla disponibilità sociale risorse fondamentali alla vita di tutti/e.

Proprio contro la gestione privata dell'acqua a Roma, contemporaneamente ai diversi movimenti scesi in campo per rivendicare I diritti di tutte e tutti, si è svolta una biciclettata per l'acqua pubblica, che ha attraversato la città segnalando la necessità che Acea torni ad essere pubblica per mettere fine alle speculazioni private sul bene comune acqua:

“ACEA basta distacchi contro i soprusi siamo tutti #Ribelli” e “Ripubblicizzare si deve e si può: ACEA stiamo arrivando!” gli striscioni che sono comparsi a Piazzale Ostiense, di fronte alla sede della multinazionale Acea.Guarda la foto

I ciclisti, distribuendo una pagina in edizione limitata de “Il Messaggero” (vedi allegato), si sono poi spostati in zona Termini, dove è stata segnalata l'ennesima speculazione di Caltagirone su uno stabile ex FS acquisito dal palazzinaro romano e immediatamente rivenduto, immaginiamo con lauti guadagni: “Debito pubblico, profitti privati. Con i profitti sull’Acqua di tutte e tutti, Caltagirone ha fatto un’altra speculazione” è il gigantesco striscione che i romani possono vedere esposto sullo stabile di Via Marsala. Guarda la foto

I messaggi lanciati dal Coordinamento Romano Acqua Pubblica sono anche per l'attuale governo capitolino, al quale sia il movimento per l'acqua che il consiglio comunale, attraverso la mozione n°25, chiedono di aprire un tavolo sulla ripubblicizzazione dell'acqua dei romani. Sul piatto, oltre che il rispetto del voto popolare di giugno 2011, la richiesta al Sindaco Marino di una presa di posizione chiara nei confronti dell'attuale gestione privatistica, che non esita a staccare l'acqua ai cittadini per poche decine di euro di mancato pagamento, anche laddove questa somma corrisponda proprio a quel profitto abrogato dagli esiti referendari.

Ancora una volta il movimento per l'acqua pubblica è sceso in piazza per affermare “Vogliamo l'acqua fuori dal mercato, vogliamo i privati fuori dall'acqua!”

Guarda le foto della biciclettata sulla pagina facebook del CRAP

Roma, 12 Ottobre 2013

Coordinamento Romano Acqua Pubblica
Attachments:
Download this file (mess.pdf)scarica l'edizione de Il Messaggero[ ]8236 kB

Video

Dibattito on line svolto il 12/11 "ARERA, autorità indipendenti e soft law:
quale legittimità democratica e quale responsabilità politica?"


E' possibile vedere qui tutti gli interventi e il dibattito

Campagne

Mai più come primaLogo campagna Giudizio UniversaleITA StopISDS Logo smallVolantino fronte A5 ARERA 04 15x21cmttipLogo stop Ceta 

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

Logo_campagna_Mauro_Forte

volantino Acqua pubblica2018