Forum dei Movimenti per L'Acqua

Acea: quando vengono prima i profitti delle persone

AceaIeri, proprio nel giorno dell'anniversario della vittoria referendaria per l'acqua pubblica, il distacco completo dell'acqua ad un utente disabile, oggi un altro utente ha tentanto di darsi fuoco nel salone del pubblico della sede Acea,  a Piazzale Ostiense. In entrambi i casi una morosità nei confronti dell'azienda, morosità impossibile da saldare a causa dell'indigente situazione economica dei due uomini.

Notizie che non devono stupire, perché da anni Acea SpA fa profitti sulla gestione del servizio idrico: più del 90% degli utili di gestione di AceaAto2 (gestore idrico di Roma Provincia) vengono distribuiti come dividendi, con conseguente indebitamento dell'azienda che ricorre al credito per coprire le spese di gestione.
 
Non solo: sono migliaia i distacchi di luce e acqua che l'azienda effettua nel comune di Roma, spesso lasciando senz'acqua interi condomìni, poco importa se vi abitano bambini, anziani o disabili.
 
Per tali pratiche "aggressive" l'azienda è già stata multata in diverse occasioni dall'antitrust, l'ultima in ordine di tempo proprio in questi giorni.
 
Sarebbero sufficienti questi dati per mettere in discussione l'attuale gestione, di stampo privatista, dell'azienda. E' infatti evidente che nella gestione di Acea vengono prima i profitti del benessere dei cittadini. E non potrebbe essere altrimenti, trattandosi di una SpA quotata in borsa... oppure potrebbe essere diverso..

Potrebbe esserlo se l'azienda fosse un ente pubblico, come ABC a Napoli, che reinveste tutto nel servizio, che non deve garantire profitti a nessuno, che non deve temere gli indici di borsa. Una strada praticabile, che i comitati dell'acqua hanno indicato già nel 2013, con uno studio dettagliato sulle possibilità di ripubblicizzazione (pubblicato qui). 

Una strada che rischia però di essere sbarrata dalla Legge Madia, i cui decreti attuativi limitano la gestione pubblica dei servizi pubblici locali per favorire quella privata. Per questo i decreti Madia devono essere radicalmente cambiati, per questo la gestione di Acea deve essere pubblica e partecipata da cittadini e lavoratori.
 

Anche di questo si parlerà il prossimo 28 giugno, in largo Ricciardi (metro San Paolo) per un dibattito sulla gestione dei servizi pubblici (vedi evento fb). Chissà che il neoeletto sindaco, chiunque sarà, non abbia l'intelligenza di venire ad ascoltare?

Roma, 14 giugno 2016

Coordinamento Romano Acqua Pubblica

http://craproma.blogspot.it/2016/06/acea-quando-vengono-prima-i-profitti.html

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa

volantino Acqua pubblica2018