fontanella l'acqua non è una merce!
 home, iscriviti alla mailing-list
Il Forum su Facebook
Per chi vuole
informarsi:
Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

Legge di iniziativa popolare
Stato dell'arte del percorso
Contatti
News dai territori
Approfondimenti
Ultime news del sito
Artisti per l'acqua
Artisti per l'acqua
Iniziative
Segnala Iniziative


Abbonatevi a un giornale morto ammazzato
Abbonatevi a un giornale morto ammazzato
Campagne e progetti
Concorso
Il Forum Italiano
aderisce alla campagna Imbrocchiamola
Imbrocchiamola

Editoriale di Moni Ovadia

Ci sono risorse che appartengono al pianeta e a tutti coloro che lo abitano e non possono essere sottoposte a un meccanismo economico di sfruttamento da parte di gruppi di potentati di qualche tipo.

Perché adesso vogliono privatizzare l’acqua, un giorno privatizzeranno l’aria e perché non le nostre vite e perché non il diritto ad esistere...

Questa mentalità, che si maschera dietro alle liberalizzazioni, in realtà vuole sottomettere alla logica del denaro qualsiasi pur minuscolo elemento dell’esistenza su questo pianeta. Questa è una deriva pericolosissima.

Ci hanno già provato proibendo ai contadini di raccogliere l’acqua piovana.

Come si fa a dichiarare privato qualcosa che scende dal cielo?

Bisogna prendere coscienza del fatto che ci sono dei limiti ed il limite è costituito dalla sacralità dell’essere umano. Come si può solo pensare di privatizzare l’acqua considerando che siamo fatti al 75% di acqua? pretenderanno di privatizzare anche l’acqua che costituisce il nostro corpo?

Ritorniamo all’idea del valore dell’Universalità e del valore pubblico che sottosta all’idea di Universalità.

Non ci può essere proprietà sulle ricchezze fondamentali del pianeta, tutte devono rientrare in un alveo di consapevolezza del fatto che esse appartengono a tutti gli uomini e che non debbono essere oggetto di compravendita ma che devono essere oggetto di distribuzione democratica ed uguale.

E’ una grande battaglia che non ha partiti, né destra né sinistra, l’acqua riguarda l’umanità.

E’ ora che la gente si svegli, non dobbiamo aspettare 50 anni perché i grandi imprenditori della terra vengano a dire che il problema della tutela e del clima è importante. Noi lo sapevamo già da tempo ma quando lo dicevamo noi ci prendevano per pazzi visionari.

E’ ora di finire con questa logica di guardare un po’ al di là dl proprio naso, guardare attraverso le generazioni, perché questo fa degli esseri umani degli esseri degni di abitare questo pianeta, altrimenti è meglio che il pianeta ci inghiotta prima che noi inghiottiamo il pianeta.