MTT - Appello agli enti locali

aeegAcqua e nuovo metodo tariffario: la nuova resistenza degli enti locali


L'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas con l'approvazione del nuovo Metodo Tariffario Transitorio 2012-2013 per il Servizio idrico Integrato ha di fatto reintrodotto la remunerazione del capitale. E' un atto contrario alla chiara volontà espressa da 27 milioni di Italiane e Italiani che con il referendum del 2011 si sono espressi per una gestione pubblica dell'acqua.

Leggi tutto...
 
Prossimi appuntamenti

sindacoNuovi appuntamenti per il coordinamento nazionale enti locali

Riunione di confronto/organizzazione. 10 aprile, ore 11 - Via S.Ambrogio, 4. Roma

Dall'ultima assemblea nazionale del coordinamento enti locali, svoltasi a Roma nel gennaio 2011, il quadro è molto cambiato: c'è stata una vittoria referendaria che diversi provvedimenti, sia politici che amministrattivi, hanno provato ad aggirare; ci sono stati pronunciamenti legali, che, al contrario, hanno confermato la fondatezza di quella vittoria e la necessità di darne applicazione; in ultimo, ma non per importanza, negli ultimi mesi si sono aperti diversi processi di ripubblicizzazione, di cui gli enti locali sono, naturalmente, parte integrante e attiva.
Leggi tutto...
 
La storia del Coordinamento Nazionale

Il 21 Novembre 2008 durante un’assemblea tenutasi presso la Sala della Pace della Provincia di Roma, a cui hanno preso parte decine di Sindaci e rappresentanti di diversi Enti locali, si è iniziato a strutturare il Coordinamento Nazionale "Enti Locali per l’Acqua Bene Comune e la Gestione Pubblica del Servizio Idrico".

A Palermo, il 14 Maggio 2009, è stata formalizzata la nascita del Coordinamento Nazionale Enti Locali per l’Acqua Bene Comune e la Gestione Pubblica del Servizio Idrico, il quale vuole essere uno strumento di coordinamento e di servizio fra Enti locali ed Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale (AATO) che perseguono l’obiettivo di salvaguardare e promuovere la proprietà, la gestione ed il controllo pubblici dell’acqua, intesa come bene comune e che considerano l’accesso all’acqua nella quantità e qualità sufficienti alla vita come un diritto umano, in un contesto di salvaguardia delle risorse idriche e di sostenibilità ambientali e altresì di cooperazione e di solidarietà internazionale.

Il Coordinamento nel quadro dei seguenti principi intende :

confermare il diritto umano all’acqua, ossia l’accesso all’acqua come diritto universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell’acqua come bene comune pubblico ;

ribadire il principio della proprietà e gestione pubblica del servizio idrico e che tutte le acque, superficiali e sotterranee, anche se non estratte dal sottosuolo, sono pubbliche e costituiscono una risorsa da utilizzare secondo criteri di solidarietà ;

riconoscere che la gestione del servizio idrico è un servizio pubblico essenziale per garantire l’accesso all’acqua per tutti e pari dignità umana a tutti i cittadini ;

promuovere iniziative atte a rendere pienamente operativa da parte di tutti gli uomini il fondamentale diritto all’acqua e alla sua qualità ;

promuovere la partecipazione dei lavoratori e dei cittadini alle scelte fondamentali relative alle politiche di tutela dell’acqua e di gestione del servizio idrico integrato.

 

Materiali

Lo Statuto dell’Associazione del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali è scaricabile qui.

La delibera “Acqua Bene Comune” è scaricabile qui

Consulta l'elenco degli Enti Locali che hanno approvato atti formali in difesa dell'Acqua Bene Comune qui

Per versare la quota di adesione al Coordinamento: codice IBAN IT82D0501803200000000137751
Intestato a: Coordinamento Nazionale Enti Locali per l'Acqua Bene Comune e per la Gestione Pubblica del Servizio Idrico


 
Coordinamento Nazionale "Enti Locali per l’Acqua Bene Comune e la Gestione Pubblica del Servizio Idrico"

enti-localiAcqua pubblica, bene comune, diritto umano universale e la definizione del servizio idrico quale servizio pubblico locale privo di rilevanza economica sono i fondamenti di una buona azione di governo locale a difesa dei beni comuni. Come governi di prossimità abbiamo il dovere di coordinarci per evitare la sottrazione di un bene primario dei Cittadini e la conseguente mercificazione dell’acqua.

 

 


Il Coordinamento si è recentemente costituito in Associazione, di seguito i dati:

Sede legale: Piazza dei Bersaglieri n°1, 01030; Corchiano (VT); Codice Fiscale: 90099640568

Conto corrente: Cc N° 00000137751 presso Banca Popolare Etica intestato a "Coordinamento nazionale enti locali per l'acqua bene comune e per la gestione pubblica del servizio idrico"; Codice IBAN: IT82D0501803200000000137751

 
Assemblea Nazionale 21 gennaio 2011

Il Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per l’acqua bene comune e la gestione pubblica del servizio idrico si è riunito in Assemblea il 21 gennaio 2010, presso la Sala di Liegro della Provincia di Roma. All’Assemblea, partecipata sia da amministratori locali che da cittadini interessati, si sono alternati interventi di amministratori e di esperti in campo economico e giuridico. Da parte degli Enti locali presenti è emerso un appoggio chiaro alla campagna referendaria, per la quale gli enti locali stessi intendono mettere in campo strumenti che sostengano la campagna sia dal punto di vista economico che comunicativo.

 

Materiali

documento conclusivo

nota riassuntiva degli interventi effettuati

 

 
Proposte per la ripubblicizzazione del servizio idrico

A seguito dell'approvazione dell’art. 15 del decreto 135/09 ("Decreto Ronchi") Il Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua ha lanciato una campagna per poter dare inizio ad un percorso di ripubblicizzazione del Servizio Idrico Integrato a partire dagli Enti Locali.

Per questo è stata predisposta una “delibera tipo”, progressivamente aggiornata in base all'evoluzione della giurisprudenza in merito. Allo stato attuale la soluzione giuridica che si propone consente e favorisce la gestione diretta degli Enti Locali, anche mediante l’affidamento ad Aziende Speciali, consorzi di Comuni o altri soggetti di diritto pubblico consentiti dall’ordinamento europeo.

 

 
Torino 21/09, convegno internazionale "Ripubblicizzare si può, ripubblicizzare si deve"

testata

Si è svolto sabato 21 a Torino il Convegno Internazionale "Ripubblicizzare si può, ripubblicizzare si deve!"Torino: quali forme di finanziamento e gestione del servizio idrico in un quadro europeo". Il Conevgno ha visto un'ampia partecipazione e ha permesso un interessante confronto tra enti locali, comitati, esperti e movimenti europei.

Al seguente link il materiale distribuito e i video degli interventi.

 

Leggi tutto...
 
Archivio Storico

In questi tre anni di attività, molte sono state le iniziative messe in campo dal Coordinamento Enti Locali. In questa sezione sono consultabili una serie di documenti e articoli scaturiti da questi anni di attività, il link riporta al sito del forum.