Forum Italiano dei movimenti per l'acqua

authentic cup cath of cape Dether ICO review of world of bitсoins
BEST site of reviews and ratings ico review network of world of bitсoins

Tevere da bere: una risposta pericolosa alla crisi idrica. Davvero Acea, Comune e Regione sono tutti d’accordo?

Brindisi potabilizzatore Tevere 1-8-19Giovedì 1 Agosto 2019 un brindisi "ironico" con acqua del Tevere per protestare contro la scelta del Potabilizzatore realizzato da Acea

In una città come Roma, alimentata principalmente da acqua di sorgente che viene dispersa per circa il 40%, una gestione della risorsa idrica e delle bollette dei cittadini vedrebbe al primo posto la lotta allo spreco idrico e la ristrutturazione delle reti, a tutela anche delle fonti e dei corpi idrici sempre più "stressati".

Invece i soldi dei cittadini sono stati spesi per costruire il potabilizzatore del Tevere, costato 7,5 milioni di euro secondo l'A.D. di Acea, 12 secondo altre fonti. Una nuova "fonte" che Acea ha già iscritto nel bilancio idrico per l’estate 2019, quindi potenzialmente in funzione da un momento all’altro. Emergenziale, proprio come il lago di Bracciano, che però l’azienda, nel tempo, ha utilizzato in maniera “strutturale” fino allo stop imposto alla captazione per la compromissione dell’ecosistema a seguito della crisi idrica del 2017.

Ancora una volta invece di ridurre le perdite sulla rete idrica si realizza un’opera “torbida” come l’acqua del Tevere, con l’avallo di diversi enti e amministrazioni.

Un'opera delicata e strategica, che è stata approvata e realizzata con una procedura lampo: approvato in via preliminare a dicembre 2017 è stato inaugurato, da pochi intimi, 12 mesi dopo. 

Potrebbe essere solo efficienza, se non vi fossero una serie di aspetti poco chiari: dalle modifiche "in extremis" di leggi regionali che ne avrebbero vietato l'entrata in funzione, a dubbi di natura tecnica sull'efficacia delle tecnologie scelte.

Come cittadini poniamo alcune domande agli enti preposti, in primis alla Sindaca di Roma Virginia Raggi, al Presidente della Regione Nicola Zingaretti e, naturalmente, al gestore Acea. 

Siete proprio tutti d'accordo e così sicuri che questa sia la scelta giusta per la tutela dei cittadini e della risorsa idrica? Chiediamo di rispondere ciascuno per il ruolo che gli compete.

Noi siamo sicuri che, se non verranno modificate le politiche e la strategia aziendale sulla gestione e tutela dell'acqua dell’acqua, ristrutturando la rete idrica e guardando alle generazioni future, sarà la storia a condannare gli attuali gestori come responsabili di un disastro annunciato.

Roma, 1 Agosto 2019.

Coordinamento Romano Acqua Pubblica

Galleria fotografica

Video

 

Lettera aperta in allegato

Attachments:
Download this file (Lettera_aperta_potabilizzatore_Tevere.pdf)Scarica la lettera[ ]62 kB

volantino Acqua pubblica2018

Flyer 5X1000 WEB-01 bassa