Warning: array_shift() expects parameter 1 to be array, boolean given in /web/htdocs/www.acquabenecomune.org/home/aprilia/config/ecran_securite.php on line 283 MAENZA Feci nell'acqua potabile, gravi rischi - Comitato provinciale acqua pubblica di Latina
fontanella l'acqua non è una merce!
 HOME,  SITO NAZIONALE
Ultimo aggiornamento: giovedì 8 ottobre 2015
Dai territori:
Video
Comunicati Stampa
Rassegna Stampa locale
Rassegna stampa locale
CAMPAGNA "DA CITTADINI A CITTADINI" PER BRAULINO


Da cittadini a cittadini
Home > Rassegna stampa > 2003 > Agosto > MAENZA Feci nell’acqua potabile, gravi rischi

giovedì 14 agosto 2003


Fonte: Il Tempo

MAENZA Feci nell’acqua potabile, gravi rischi

di Clemente Pistilli

MAENZA Le analisi dell’Arpa su uno dei fontanini della città lepina evidenziano tracce di inquinamento fecale

Feci nell’acqua potabile, gravi rischi

Scattati gli accertamenti. Rischi di salmonellosi e epatiti bevendo il liquido contaminato

Inquinamento fecale nell’acqua che sgorga dai rubinetti della piccola città lepina.

Ovvero tracce di feci nel prezioso liquido da bere. La scoperta, che ha subito fatto partire gli accertamenti, è stata fatta nel corso delle analisi di routine eseguite nel piccolo centro. Gravi i rischi presenti in tali situazioni per chi si disseta con il liquido contaminato.
Sarebbe già stata sottoposta all’attenzione della Procura della Repubblica di Latina la situazione attuale di Maenza per quanto concerne l’acqua potabile. Le analisi sembrano lasciar spazio a pochi dubbi: il liquido in rete è contaminato.
Il problema al momento sarebbe presente soltanto in una parte della città. Le analisi su uno dei «fontanini» —i punti di prelievo dell’acqua dove in ogni centro costantemente vengono presi dei campioni da analizzare per verificare la salubrità dell’acqua— hanno dato esito sfavorevole. Nei laboratori dell’Arpa (Agenzia regionale di protezione ambientale ndr) di Latina le analisi sono state anche ripetute due volte ma l’esito è stato sempre lo stesso: inquinamento fecale.
La contaminazione forse è dovuta a scarichi che hanno intaccato la falda acquifera o, come successe tempo fa nel capoluogo pontino, ad acqua proveniente dai pozzi e inserita irregolarmente nella rete.
Una situazione che, se probabilmente non è il caso di definire allarmante, non appare da sottovalutare.
La presenza di coliformi fecali nel’acqua destinata ad uso potabile rappresenta infatti un grave rischio.
Bevendo il liquido «avvelenato» dalle feci c’è infatti il pericolo di restare vittime di salmonellosi, epatiti e, seppur con meno probabilità, di restare colpiti dal vibrione del colera.
Mentre si sta valutando se quanto riscontrato nel fontanino pubblico è presente soltanto nel tratto terminale della rete che lo alimenta o presente in tutta la zona, la magistratura starebbe valutando il da farsi.
Dopo le analisi dell’Arpa Lazio, sotto la vigilanza dell’Asl, il caso passa però in mano ad «Acqualatina», il gestore del servizio idrico, a cui spetta di accertare quale sia la situazione sul fronte acqua potabile a Maenza, di individuare le cause della contaminazione e prendere provvedimenti per risolvere il caso.
Dopo alcuni mesi in cui non si registravano casi di inquinamento dell’acqua in provincia il problema torna così a manifestarsi.
In molti centri ancora è forte l’apprensione e il ricordo dei disagi per i problemi registrati nelle sorgenti e appaiono sempre più urgenti i provvedimenti da adottare a difesa delle falde acquifere pontine.

14/08/2003

Questo articolo è stato visto volte.


Pubblicità




Per chi vuole
informarsi:
Comuni
Scopri come si comporta il tuo Comune nelle Conferenze dei Sindaci
Legislazione
Acqualatina
Garante del Servizio Idrico
Regione Lazio
Ultime news del sito
IL SOCIO PRIVATO


Veolia Water
La Veolia Water in Italia
Veolia Water
Link "Siti Amici"
Ex Mattatoio
No Turbogas Aprilia