Forum Italiano dei movimenti per l'acqua

In tutta Italia c'è aria di Obbedienza Civile!

Parte in tutta Italia la campagna di Obbedienza Civile per il rispetto del voto referendario.

Il 12 e il 13 giugno gli italiani hanno scelto di mettere l'acqua fuori dal mercato e di togliere profitti dall'acqua. I referendum sono inapplicati. I cittadini scelgono oggi di applicare il referendum dal basso.

Scopri come aderire e ricalcolare la tua bolletta SENZA profitti dei privati.

In ogni città iniziative e banchetti informativi. Il nostro voto va rispettato.


Quanto valgono i soci pubblici di HERA? Nulla

RubinettoComunicato stampa

Quanto valgono i soci pubblici di HERA?
Nulla, e chi lo dice è proprio HERA

Il colpo gli è finalmente riuscito: dopo due tentativi andati a vuoto nei mesi scorsi, stamattina alle ore 9.00 HERA ha inviato un tecnico che ha rotto i piombi dell'allacciamento all'acquadelcondominio ITACA e dopo aver ridotto il flusso dell'acqua in entrata, li ha ripristinati. Facendolo peraltro in modo subdolo, rispondendo ai condomini che gli chiedevano le ragioni dell'intervento, che stava facendo una normale lettura del contatore.
Leggi tutto...

 

 

Tar Toscana - Vittoria del Forum

2012_09_22_10041Tar Toscano dà ragione ai movimenti: le bollette post referendum sono illegittime

Sentenza storica destinata ad affondare profitti privati in bolletta nella Giornata Mondiale dell'Acqua


Il Tar della Toscana accoglie il ricorso presentato dal Forum Toscano dei Movimenti per l'Acqua: le tariffe presentate dai gestori dopo il referendum sono illegittime in quanto comprendono ancora la “remunerazione del capitale investito” abolita dal referendum del 12 e 13 giugno 2011. Leggi tutto ...

Umbria - Il Comitato chiede incontro al Prefetto

Obbedienza_Civile_IL_MIO_VOTO_VA_RISPETTATO_aIl Comitato Umbro Acqua Pubblica chiede di incontrare il Prefetto di Perugia!

 

Nonostante gli esiti referendari Umbra Acque SPA, con il consenso dell’Assemblea dei Sindaci dell’ATI 1 e 2, applica una tariffa illegittima mantenendo la remunerazione del capitale investito abrogata.

Ciò è stato riconosciuto dal Consiglio di Stato e dal Tar della Toscana con sentenza del 22 marzo 2013. Ma umbra acque spa continua a far pagare in bolletta la remunerazione del capitale investito, corrispondente dal 2012 al 15,82%, abrogata con il referendum del 2011.

Leggi tutto...

 

 

 

Bologna: seminario sulla nuova tariffa

bologna_22-12-11Seminario sulla tariffa idrica dell'AEEG - Bologna 13 marzo 2013 ore 19.00 Sala dello Zodiaco c/o Provincia di Bologna via Zamboni, 13


Per  capire come la “Nuova tariffa sull’acqua” dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) cancella il Referendum riproponendo la remunerazione del capitale nelle bollette dell’acqua .
Seminario Pubblico di  Approfondimento sulla tariffa idrica  - Mercoledì 13 Marzo 2013 dalle ore 19.00 alle 21.30 - Presso la Sala dello Zodiaco Provincia di Bologna Via Zamboni,13. Leggi tutto...

 

Umbria - Contro la nuova tariffa continua l'obbedienza civile

umbria_blu

Il popolo dell’acqua dice NO al nuovo metodo tariffario imposto dall’autorità di vigilanza (AEEG) che ignora completamente i risultati referendari riproponendo il profitto garantito per i gestori (famoso 7% degli investimenti) già abrogato, con il nome di “oneri finanziari”.

Per questo anche in Umbria continuerà la campagna di autoriduzione delle bollette: tutte e tutti possono partecipare contattando il Comitato Umbro Acqua Pubblica tutti i mercoledi pomeriggio dalle 17,30 alle 19,30 a Perugia, via del Lavoro 29 – tel. 075.5057404 o i referenti locali.

Puglia - Obbedienza Civile

ob_civ_bilanciaIl mancato rispetto esito referendario arriva davanti ai giudici di pace

Nei prossimi giorni AQP S.p.A. sarà chiamato a rispondere davanti ai Giudici di Pace pugliesi della mancata attuazione del secondo quesito referendario. Verranno, infatti, trattate le cause incardinate davanti ai giudici di pace di Bari, Altamura e Ginosa con cui i legali del Comitato pugliese “Acqua Bene Comune” – Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua hanno chiesto di accertare il diritto dei cittadini alla restituzione di quanto indebitamente percepito da AQP S.p.A. a titolo di remunerazione del capitale investito e ottenere, così, la effettiva attuazione del secondo quesito referendario. Leggi tutto...

 

Modena - C'è posta per Hera

modena_reclamoIl Comitato consegna ad HERA una lettera di proporzioni pari al suo disappunto

Lunedì 4 marzo il Comitato Modenese per l'Acqua Pubblica ha consegnato ad HERA una lettera in cui chiede la cessazione immediata degli addebiti delle spese di reclamo, di interessi di mora e di intervento per la riduzione del flusso di acqua sulle bollette dei cittadini che aderiscono alla campagna di Obbedienza Civile. Leggi tutto...



Modena - Conferenza stampa per il rispetto dei referendum


Obbedienza_Civile_IL_MIO_VOTO_VA_RISPETTATO_aContinuano le ritorsioni di HERA Spa contro i cittadini e le associazioni “Obbedienti” al risultato referendario

Il Comitato Modenese per l’Acqua Pubblica condanna i tentativi di riduzione del flusso dell’acqua attuati da HERA ai danni di coloro che hanno aderito alla Campagna di “Obbedienza Civile”
Per l’applicazione del risultato referendario, per il rispetto della Democrazia e del diritto all’acqua dei cittadini è indetta una CONFERENZA STAMPA per sabato 26 gennaio 2013 - ore 11,45 presso la Polisportiva Modena Est (V.le indipendenza 25). Leggi tutto ...

 

Padova - Si parte con l'autoriduzione delle bollette dell'acqua

 

padova_ob_civ

 Contro la fusione AcegasAps - Hera per rispettare il risultato referendario con la campagna d'obbedienza civile

Guarda il video

Presentata sabato 1° dicembre dal Comitato Due Sì per l'acqua bene comune l'avvio dell'autoriduzione delle bottelle dell'acqua per contrastare la fusione AcegasAps Hera e rispettare il risultato referendario. Si inzia con le bollette in scadenza da oggi 1 dicembre. Per i cittadini che vogliono partecipare sono stati allestiti 4 sportelli a cui sarà possibile riferirsi per calcolare la cifra da versare una volta decurtate le bollette del 17,19 % cioè l'equivalente della remunerazione del capitale investito eliminata dal secondo quesito referendario di un anno fa. Leggi tutto...

 

Chiavari. Idrotigullio in tribunale

 

ob_civ_bilancia

Dopo un anno e cinque mesi il referendum del 12-13 giugno 2011, espressione del popolo italiano con valore di legge, continua ad essere ignorato da quasi tutti i gestori. Elisabetta, cittadina di Chiavari minacciata dal suo gestore di distacco di fornitura per un presunto credito di 8 euro di indebita “remunerazione del capitale”, ha presentato questo ricorso contro Idrotigullio. Il suo intento è quello di recuperare la quota di remunerazione relativa al periodo 21/07/2011-31/12/2011 successivamente al quale, a seguito di diffida, ha pagato solo il dovuto, decurtando autonomamente dalla sua bolletta la quota di profitto del 22%: in questo modo Elisabetta ribadirà il principio che un voto popolare vada rispettato. Leggi tutto...


Nettuno- Il Comitato "mura" simbolicamente gli uffici di Acqualatina


muratura acqualatina 2012

Guarda il video

Il giorno 22 novembre scorso, presso la sede di Acqualatina S.p.a.di Via della Primule a Nettuno, in occasione della riapertura degli uffici, alcuni cittadini ed i componenti del Comitato Acquapubblica Anzio-Nettuno hanno effettuato un flash-mob “murando” simbolicamente l’entrata degli uffici stessi con l’affissione di cartelli che invitavano gli utenti a boicottare il gestore privato del Servizio idrico, in applicazione di quanto previsto dal risultato referendario del giugno 2011, aderendo così alla Campagna di obbedienza Civile, iniziativa promossa a livello nazionale dal Forum dei Movimenti per l’Acqua. Leggi tutto...


Pistoia. Il comitato e Legambiente denunciano Publiacqua

publiacquaIl Comitato per l'acqua pubblica di Pistoia insieme a Legambiente Pistoia ha sporto denuncia-querela contro l'azienda Publiacqua per appropriazione indebita. Dal 21 luglio 2011, data di promulgazione degli esiti referndaria, l'azienda ricava infatti sull'acqua profitti illegittimi continuando a percepire anche la quota di remunerazione del capitale, abrogata dalla consultazione.

Dopo le centinaia di cittadini che da mesi stanno presentando istanza di rimborso al gestore del servizio idrico, ora sarà anche il Tribunale di Pistoia a doversi esprimere. Leggi tutto...


 


15-17 novembre 2012 - Un anno di Obbedienza Civile: sono consultabili qui alcuni degli articoli usciti sui media locali e nazionali

Elenco delle iniziative in programma (15-17 novembre Weekend dell'Obbedienza Civile)

Ad un anno dal lancio della Campagna di Obbedienza Civile per il rispetto del voto referendario il Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua è tornato in piazza in diverse città italiane per rilanciare la campagna ed illustrare i risultati raggiunti fino ad oggi. Sono state decine di migliaia i reclami presentati dagli utenti alle società che gestiscono il servizio idrico e che non hanno eliminato la "remunerazione del capitale investito" dalla tariffa come deciso dai referendum del giugno 2011. Inoltre migliaia di cittadini in tutta Italia stanno da mesi pagando una bolletta autoridotta e obbediente agli esiti dei referendum nonostante le rabbiose reazioni dei gestori che continuano a minacciare sanzioni e sospensioni dell'erogazione dell'acqua.

 

15/11

Padova – Assemblea Pubblica alle ore 21,00 Sala Nassyria in Piazza Capitaniato. Info

16/11

Carini (PA) – Iniziativa dalle 14,00 alle 21,00 in Corso Umberto I – davanti Banco di Sicilia. Info

17/11

Genova – Volantinaggio e cartelli durante manifestazione contro grandi opere.

Piacenza - Banchetto informativo sul Corso nei pressi della libreria Mondadori e raccolta firme per l' ICE per l'acqua pubblica. Info

17-18/11

Torino – Striscionate e volantinaggi. Verrano distribuiti volantini (clicca qui) rivolti ai Sindaci dei Comuni soci di SMAT perchè si impegnino nella prossima Assemblea dei soci a deliberare l’applicazione del referendum.

Roma – banchetto informativo nell'ambito dell'iniziativa Ri_pubblica, all'ex-Cinema America Occupato in via Natale del Grande; striscionate e volantinaggi per la città. Info

19/11

Torino - Moncalieri/Borgo San Pietro; nei giorni successivi: VENARIA, ORBASSANO, VOLPIANO

In distribuzione 13.000 volantini rivolti ai Sindaci dei Comuni soci di SMAT perchè si impegnino nella prossima Assemblea dei soci  a deliberare l’applicazione del referendum

 

Umbria - ATI4: basta con le prese in giro! 

Comunicato stampa

Perdite dell’acquedotto oltre il 45%, tariffe tra le più care in Italia, inquinamento di arsenico questi sono i risultati della gestione privata del SII di Terni.
Già nel 2010 il Comitato di Vigilanza delle Risorse Idriche aveva rilevato irregolarità nella tariffa visto che venivano imputati costi non previsti dal metodo normalizzato, compresi circa 6 milioni di euro per diseconomie registrate nella gestione pregressa che a conti fatti hanno aggravato la tariffa di circa l’11%. Il TAR dell’Umbria aveva dato ragione all’organo ministeriale con la sentenza 161/2010.  In sostanza, l’Assemblea dei Comuni dell’ATI 4 mette in tariffa tutto quello che il SII (gestore) gli chiede!

 

Al Sindaco di Genova: interpellanza su vessazione di IREN verso i cittadini obbedienti

OGGETTO: INTERPELLANZA
premesso che:
- Dopo i referendum sui servizi pubblici 2011, le Aziende idriche e le istituzioni non si sono ancora adeguate alla volontà popolare, in particolare l'eliminazione della remunerazione del capitale investito nelle tariffe del servizio idrico. Solo la Provincia di Imperia ha modificato le proprie tariffe nel rispetto della legge.
- A questa situazione il movimento per l'acqua ha reagito proponendo in tutta Italia la campagna di Obbedienza Civile per ottenere il rispetto del voto referendario. Sono ormai diverse migliaia i cittadini che pagano al proprio gestore idrico solo l'importo dovuto, decurtato della quota di remunerazione del capitale abrogata dal referendum.

Leggi tutto ...

 

Torino toglierà l'acqua ai piacentini?

Lettera aperta ai consiglieri comunali di Torino - TORINO TOGLIERÀ L'ACQUA AI PIACENTINI?

Dopo l'ondata di SI ai referendum sull'acqua del 2011, le Aziende idriche e le istituzioni non si sono ancora adeguate alla volontà popolare. Solo la Provincia di Imperia ha modificato le proprie tariffe nel rispetto della legge.
A questa situazione il movimento per l'acqua ha reagito proponendo in tutta Italia la campagna di Obbedienza Civile per ottenere il rispetto del voto referendario. Sono ormai diverse migliaia i cittadini che oggi pagano al proprio gestore idrico solo l'importo dovuto, decurtato della quota di remunerazione del capitale abrogata dal referendum. Le reazioni dei gestori non sono mancate, i rimpalli di responsabilità tra i vari livelli istituzionali nemmeno.

Leggi tutto ...

 

Obbedienza Civile a Radio Wave International: secondo tour in giro per l'Italia
Prima tappa - Arezzo

A distanza di 15 mesi del referendum che ha sancito un diritto fondamentale, tutto tace, o quasi...
In studio il Presidente del comitato aretino, Lucio Beloni, per lanciare l'iniziativa del 22 Settembre che propone un forum aretino per l'acqua. Il sindaco Aretino Giuseppe Fanfani, in modo informale avrebbe già aderito. Proviamo a collegarci con lui, ma satmani sembra impossibile.
Al telefono con noi anche il Presidente della Provincia di Arezzo Roberto Vasai che esprime la sua opinione in merito. A Vasai chiediamo anche quali siano gli ultimi sviluppi in merito al riassetto delle provincie che vede Arezzo in frattura col sistema politico regionale.


San Giorgio a Cremano, la bandiera dell'Acqua per l'Obbedianza Civile sventola sulla Casa Comunale

San Giorgio a Cremano: il 27 luglio u.s., il Sindaco Domenico Giorgiano dice ancora sì all'acqua pubblica e fa affiggere la bandiera dell'Acqua per l'Obbedianza Civile, alla facciata d'ingresso della Casa Comunale. E' il primo Comune dell'Ente d'Ambito vesuviano /sarnese a farlo. Facciano ora lo stesso gli altri Sindaci di ato3, in particolare coloro che, come Giorgiano, hanno aderito alla "Rete dei Sindaci per la gestione pubblica dell'acqua e dei beni pubblici".

Caritas Toscana, Pastorale Sociale e del Lavoro - Toscana, Missio - Toscana sostegnono la Campagna di Obbedienza Civile

Caritas Toscana, Pastorale Sociale e del Lavoro - Toscana, Missio - Toscana con un primo documento “ACQUA, Dono di Dio, bene comune e responsabilità sociale” hanno aderito alla campagna nazionale promossa dalla Rete interdiocesana Nuovi Stili di Vita. Con un secondo documento "ACQUA, Dono di Dio, dal bene comune alla gestione dei beni comuni" intendono anche sollecitare un sostegno alla Campagna di Obbedienza Civile promossa dal Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua.

 

 

5xmillequadrato

stop-privatizzazioni